I locali del tribunale del lavoro sotto sequestro, Saitta (M5S): "Sospendere locazione"

Parte dell'immobile è di proprietà di una società riconducibile alla famiglia Leonardi. I locali sono finiti sotto sequestro a seguito di un'operazione della guardia di finanza

Il deputato alla Camera Eugenio Saitta, componente della Commissione Giustizia, e la deputata Simona Suriano del Movimento Cinque Stelle hanno presentato una interrogazione sul recente sequestro operato dai finanzieri del comando provinciale di Catania di diversi immobili appartenenti a società riconducibili alla famiglia Leonardi, finita recentemente al centro dell’operazione Mazzetta Sicula relativa alla discarica di Lentini. Tra gli immobili sequestrati vi era anche quello che ospita, in Guardia della Carvana a Catania, gli uffici e le aule della sezione lavoro del tribunale.

“Il recente sequestro operato dalla Guardia di Finanza – spiegano i deputati – apre un irrisolto e antico problema: diverse sedi giudiziarie, nonché della questura, sono prese in affitto dai privati. Nel caso specifico degli immobili del tribunale del lavoro, di proprietà di una società riconducibile alla famiglia Leonardi e ora sotto sequestro, l’importo complessivo dell’affitto a carico del Ministero supera i 740mila euro annui (di cui oltre 426 mila euro versati alla Leonhouse Immobiliare, riconducibile ai Leonardi)”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Infatti occorre precisare che, tra i proprietari dell’immobile di Via Guardia della Carvana, risultano altre società (non sequestrate-ndr) sempre riconducibili ai fratelli Leonardi – ha proseguito Saitta -. Però è davvero ingente la cifra che spende il sistema giustizia in canoni di locazione degli uffici: la cifra supera ampiamente 1 milione 600 mila euro l'anno a fronte di uffici e di sedi non sempre adeguate. Abbiamo quindi chiesto al ministero di valutare la possibilità di sospendere i canoni di affitto per l’immobile che ospita il tribunale del lavoro e di verificare se vi possano essere situazioni simili”. Firmatari dell’interrogazione anche i deputati siciliani Scerra, Rizzo, Penna e Ficara.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, nel mirino i "fedeli collaboratori" del clan Santapaola-Ercolano: 21 arresti

  • Via Leopardi, carabinieri scoprono un "buco" che collegava una casa disabitata ad una banca

  • Incidente stradale a Paternò, scontro fra due mezzi pesanti: un morto

  • Il "mistero" dei fuochi d'artificio di Picanello, sparati ogni giorno a mezzanotte

  • "Iddu" e "idda": il terrore di Giarre e Riposto, stroncata dai carabinieri la cupola di La Motta

  • Sgominate bande che rubavano sui tir e nelle case: 13 arresti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento