Tritolo in bagno e un kalashnikov in casa, 40enne arrestato

Sono stati inoltre trovati tre fucili di vario calibro, un kalashnikov, un giubbotto antiproiettile e nove caricatori di diverso tipo

Nella serata di ieri, agenti delle Volanti e della Squadra Cinofili dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di Catania, hanno arrestato Orazio Coco catanese, 40 anni, responsabile dei reati di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, di detenzione abusiva di armi comuni, di detenzione di armi da guerra con relativi serbatoi e munizionamento e di detenzione di materiale esplodente.

Grazie alle indagini approfondite, i poliziotti hanno effettuato una perquisizione nell’abitazione di Coco che si trova in zona Librino; l’uomo ha ammesso spontaneamente di detenere all’interno di un armadio marijuana e hashish, per un peso complessivo di 844 grammi. Gli agenti, tuttavia, hanno trovato strano il comportamento dell’uomo che si mostrava nervoso e agitato. Quindi, hanno proseguito con la perquisizione grazie alla quale sono stati rinvenuti 3 fucili di vario calibro, un kalashnikov, un giubbotto antiproiettile e nove caricatori di diverso tipo.

Inoltre, la presenza di diverse pareti in cartongesso, ha destato ulteriore sospetto; i poliziotti hanno deciso di far intervenire i colleghi della Squadra Cinofili che, grazie al fiuto dei cani anti esplosivo “Soan” e “Ultimo”, hanno rinvenuto all’interno di un’intercapedine ricavata in una parete del bagno, un involucro contenente 10 candelotti di tritolo con relativi detonatori e miccia; dietro un battiscopa della cucina erano anche nascoste diverse scatole contenenti 659 cartucce.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per questo motivo si è reso necessario l’intervento della Squadra Artificieri, che hanno messo in sicurezza i luoghi, e della Polizia Scientifica che ha provveduto ai rilievi fotografici e dattiloscopici. ll Coco, pertanto, è stato condotto in Questura e, su disposizione del pm di turno, associato presso la casa circondariale di “Piazza Lanza” in attesa della celebrazione del giudizio di convalida.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento