Si fingono medici dell’ ASL, l'anziana vittima intuisce la truffa e le fa arrestare

Nella frazione Santa Venera a Mascali, due donne si sono presentate a casa di una pensionata 75enne e, qualificandosi come medici dell' ASL, hanno convinto la signora a farle accedere nell'abitazione

I Carabinieri della Stazione di Mascali hanno tratto in arresto due donne, entrambe con pregiudizi penali, di Siracusa, per tentata truffa aggravata in concorso.

Nel primo pomeriggio di ieri, nella frazione Santa Venera a Mascali, due donne si sono presentate a casa di una pensionata 75enne e, qualificandosi come medici dell’ ASL, hanno convinto la signora a farle accedere nell’abitazione.

Le due sedicenti dottoresse, con i dovuti modi e un atteggiamento pacato e rassicurante, come riferito ai Carabinieri dalla potenziale vittima, hanno cercato di raggirare quest’ultima riferendole che avrebbe dovuto regolarizzare un’inesattezza sulle somme di denaro percepite ogni mese a titolo di pensione di invalidità.

Tutto sembrava procedere secondo i piani delle truffatrici quando l’anziana donna, non convinta di quanto gli era stato rappresentato, appena ha potuto si è scaltramente appartata in un’altra stanza dalla quale ha telefonato al 112. 

Qualche istante dopo, una pattuglia di Carabinieri è giunta sul posto e ha bloccato le due donne che compreso il fatto di essere state scoperte dalla vittima tentavano di allontanarsi velocemente a bordo di una Fiat 500. Le donne sono state arrestate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

  • Un incendio per disfarsi delle cimici, smantellate due piazze di spaccio: 16 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento