rotate-mobile
Cronaca

Truffe: appalti truccati nell'ASP a favore di un’azienda catanese

I funzionari sono accusati di aver pilotato l'assegnazione di un appalto per la distribuzione di arredi all'Asp a favore di una specifica ditta. Il danno è stimato in 50mila euro

Sotto il mirino dei Nas di Palermo i funzionari ed ex dirigenti della locale Azienda Sanitaria Provinciale e dell’amministratore di una società di vendita di arredi di Catania, ritenuti responsabili di turbativa d’asta e truffa in danno del Servizio Sanitario Nazionale. Il danno all’erario è stimato in 50.000 euro circa.

I militari dell’Arma territoriale, hanno eseguito, nelle province di Agrigento e Catania, cinque decreti di perquisizione locale emessi dalla Procura della Repubblica di Agrigento, nei confronti di 3 tra funzionari ed ex dirigenti della locale Azienda Sanitaria Provinciale e dell’amministratore di una società di vendita di arredi di Catania, ritenuti responsabili di turbativa d’asta e truffa in danno del Ssn.

Secondo quanto emerso in fase d’indagine, i funzionari pubblici avevano pilotato l’assegnazione di un appalto per la distribuzione di arredi all’Asp a favore di una specifica ditta, che ha effettuato forniture diverse da quelle richieste e di valore inferiore.

"L’ammontare irrisorio dell’offerta - spiegano i Nas - è stato poi compensato con la fornitura di materiali con caratteristiche differenti e con un valore inferiore rispetto a quello concordato, anomalie che non sono state rilevate in sede di collaudo. Inoltre, gli indagati hanno annullato per pretestuose ed inesistenti irregolarità una precedente gara che aveva visto aggiudicataria, in maniera legittima, una ditta diversa".

Nel corso delle perquisizioni i militari hanno proceduto al sequestro di copiosa documentazione e di arredi sanitari oggetto della gara d’appalto.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffe: appalti truccati nell'ASP a favore di un’azienda catanese

CataniaToday è in caricamento