Truffe: virus del computer chiede soldi per sbloccare la navigazione

Se improvvisamente il computer si blocca e appare una schermata con avviso a nome di una Forza di Polizia di pagare per tornare a navigare: è un virus, avverte il Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni di Catania

Sono numerose le chiamate pervenute al Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni di Catania da parte di cittadini preoccupati dall’improvviso blocco del proprio computer e dalla apparizione di una schermata con avviso a nome di una Forza di Polizia (Polizia di Stato, Guardia di Finanza, Carabinieri).

L’avviso fa sempre riferimento a un presunto utilizzo illecito del computer che sarebbe avvenuto durante la navigazione internet; in genere, visita di siti illegali (pedopornografici), download programmi tutelati dal diritto d’autore, etc..

L’utente è sollecitato  al pagamento di una cifra variabile ( 50 -100 euro), secondo procedure anch’esse diverse, al fine di ottenere lo sblocco del computer ed evitare di incorrere in una vera e propria denuncia penale.

Si tratta, ovviamente, di un avviso ingannevole.

Il blocco del computer è causato da un “programma malizioso”, un virus del tipo malware, genericamente denominato “ramsonware” (dall'inglese ramson che vuol dire ricattare e ware componente). Esso si diffonde, come altri tipi di programmi maliziosi, infettando il sistema operativo tramite note vulnerabilità nei servizi di rete, e-mail con allegati eseguibili, navigazione su siti malevoli, attività non sicure all’interno di taluni social network, etc.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Polizia Postale ribadisce che le Forze dell’Ordine non richiedono il pagamento di somme di denaro tramite internet e con le modalità sopra descritte, pertanto, in presenza di tali circostanze la prima avvertenza che l'utente deve seguire è quella di non pagare l’importo richiesto e procedere alla rimozione del virus dal proprio p.c.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 3 luglio 2020

  • Non ce l’ha fatta Peppino Rizza, era ricoverato dal 10 giugno al Cannizzaro

  • Scoperto traffico di auto rubate: 5 in manette

  • Per ripicca contro il compagno butta il suo cane dal quarto piano: denunciata

  • Abitazioni minacciate dalle fiamme a Motta Sant'Anastasia

  • Corsa clandestina, il cavallo cade in un fossato e muore: 16 denunciati

Torna su
CataniaToday è in caricamento