menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Turismo, anche le locazioni brevi soggette all’imposta di soggiorno

I nuovi introiti proveninenti dalla tassa di soggiorno verranno indirizzati in attività promozionali della città di Catania e degli eventi turistici, pubblici e privati

Il prossimo 1 marzo 2019 entrerà in vigore il nuovo regolamento dell’imposta di soggiorno approvato con delibera del Consiglio Comunale n.7 del 30 gennaio 2019. Tra le innovazioni stabilite nel nuovo documento, quella che anche gli appartamenti ad uso turistico (locazioni brevi) saranno tenuti a riscuotere la Tassa di Soggiorno per conto del Comune. Gli esercenti titolari degli appartamenti utilizzati per le locazioni brevi, dovranno compilare la tabella anagrafica scaricabile dal sito internet del comune di Catania e inviarla tempestivamente all’Ufficio Turismo via Vittorio Emanuele, 172, tramite e-mail: bureau.turismo@comune.catania.it al fine di ricevere le credenziali di registrazione e di accesso al software applicativo.

L’ufficio del Turismo e la Direzione Gabinetto del sindaco, diretti da Giuseppe Ferraro, sono a disposizione per chiarimenti operativi. L’adeguamento del regolamento, com’è noto, si è reso necessario per adempiere a nuovi obblighi di legge che estendono la tassa di soggiorno alle locazioni brevi come quelle a scopo turistico, nell’ambito del maggiore recupero dell’imposta che il dissesto dell’Ente impone. Inoltre, è stata necessaria una rideterminazione delle tariffe, secondo una modalità improntata alla gradualità, opportunamente vagliata dalla giunta e dal consiglio comunale che ha adottato l’atto finale.

L'obbligo per l'imprenditore alberghiero di riversare al Comune l'imposta di soggiorno è sancito dalla legge e confermato anche da sentenze della Cassazione che hanno ribadito la natura di servizio pubblico dell'attività di accertamento e riscossione, con corrispettiva creazione di danno erariale in caso di omesso versamento e la commissione del reato penale di peculato.

L’amministrazione comunale ha già fatto sapere che i nuovi introiti proveninenti dalla tassa di soggiorno verranno indirizzati in attività promozionali della città di Catania e degli eventi turistici, pubblici e privati, che verranno realizzati nel capoluogo etneo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ristrutturare

Come arredare o abbellire il corridoio

Salute

Vitamina E - Proprietà e benefici

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento