Turisti francesi in visita a Catania e derubati: la loro lettera per ringraziare la polizia

I due francesi, in visita alla città per goderne le bellezze architettoniche, avevano incautamente lasciato l’autovettura, presa a noleggio, posteggiata con tutti i bagagli a bordo; al ritorno dall’escursione hanno trovato l’auto scassinata

È giunta da Parigi,ed è diretta agli uomini della polizia di Stato di Catania. Stiamo parlando della lettera che due turisti d’oltralpe hanno indirizzato agli uomini della Questura, una testimonianza di come l’efficienza e la dedizione dei poliziotti etnei a difesa della serenità di tutti cittadini possa ingenerare in chi si è trovato a subire un reato, sensi di gratitudine e stima da cui emerge l’immagine della migliore Catania, accogliente e attenta alla tutela dei turisti che vengono a visitarla.

La lettera turisti francesi

I fatti si riferiscono allo spiacevole inconveniente in cui, alla fine dello scorso mese di agosto, sono incappati i due francesi: in visita alla città per goderne le bellezze architettoniche, avevano incautamente lasciato l’autovettura, presa a noleggio, posteggiata con tutti i bagagli a bordo; al ritorno dall’escursione hanno trovato l’auto scassinata ma già presidiata da una pattuglia di poliziotti che ha provveduto ad accompagnarli in Questura dove, già in fase di stesura della denuncia, è stata riconsegnata parte della refurtiva, per lo più effetti personali.

"Gli agenti delle Volanti, in effetti, hanno dato grande prova di efficienza e di tempestività: avvalendosi della loro profonda conoscenza del territorio e, occorre sottolinearlo, dell’aiuto giunto da un anonimo testimone che ha fornito preziosi elementi tali da permettere la sicura identificazione di R.L., ventisettenne pregiudicato catanese, il cui modus operandi è ormai noto ai poliziotti delle Pantere, sono andati “a colpo sicuro”, recuperando la refurtiva e denunciando l’uomo in stato di libertà", si legge nella nota della Questura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E così, mentre si trovavano ancora in Questura, i due turisti, con grande stupore, si son visti riconsegnare la macchina fotografica, il p.c., l’I Pad e persino i 75 euro che ancora mancavano all’appello, recuperati a pochissimo tempo dall’intervento delle prime pattuglie.

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento