Sembravano due turisti ma trasportavano cocaina, arrestati

I militari hanno controllato i due che viaggiavano a bordo di una Fiat Bravo. L'atteggiamento allarmato tenuto dalla coppia al momento degli accertamenti ha insospettito i Carabinieri che hanno perquisito il veicolo

I Carabinieri del Nucleo Investigativo hanno tratto in arresto il pregiudicato D.G., di anni 56, originario di Milazzo ma residente in Svizzera, e la sua compagna B.J.Y,  di anni 61, cittadina francese, per detenzione illecita di sostanze stupefacenti e detenzione illegale di armi clandestine.

I militari hanno controllato i due che viaggiavano a bordo di una Fiat Bravo. L’atteggiamento allarmato tenuto dalla coppia al momento degli accertamenti ha insospettito i Carabinieri i quali hanno proceduto ad una perquisizione del veicolo.

All’interno, dove prendevano posto anche due cani, un pastore tedesco ed uno yorkshire, sono stati rinvenuti sul sedile posteriore due panetti, avvolti in cellophane e carta adesiva, contenenti 2 Kg di cocaina.

Dalla successiva perquisizione effettuata presso l’abitazione della coppia, in provincia di Messina, è emerso che i due detenevano illegalmente un fucile a pompa Winchester, mod. 1300 Stainless Marire, cal. 12; un revolver Smith and Wesson, cal. 38 special; un revolver Webbey Mark VI, cal. 455 MKII, tutte armi di fabbricazione straniera, nonché oltre un centinaio di munizioni di vario calibro. Sono in corso ulteriori indagini per stabilire a chi fosse destinata la sostanza stupefacente rinvenuta. Le armi, tutte prive dei previsti contrassegni di legge, saranno inviate al Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche di Messina per gli accertamenti balistici.
 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento