Ubriaco alla guida provoca incidente con feriti

I carabinieri sono intervenuti soccorrendo le persone coinvolte: il sinistro causato da un giovane brontese di 23 anni con un tasso alcolemico nel sangue pari a tre volte quello consentito dalla legge

I carabinieri della compagnia di Randazzo, coadiuvati dai colleghi della stazione di Adrano, sono intervenuti la scorsa notte sulla starda statale 284 in occasione di un incidente stradale occorso tra una Lancia Y ed una Audi A3, rispettivamente con tre persone a bordo la prima ed il solo conducente la seconda. I militari hanno provveduto a soccorrere i due feriti che, trasportati nell’ospedale di Biancavilla ed al Policlinico di Catania, hanno riportato entrambi una prognosi di 10 giorni, quindi hanno effettuato i rilievi di rito ed analizzato sulla scorta di essi la dinamica del sinistro. Gli accertamenti, poi, hanno riguardato anche il test dell'etilometro a carico del conducente della Lancia Y, un giovane brontese di 23 anni, e hanno verificato un tasso alcolemico nel sangue pari a quasi tre volte il massimo consentito dalla legge, determinando così il previsto ritiro della patente di guida. I feriti, dopo le medicazioni, sono stati dimessi dall’ospedale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 3 luglio 2020

  • Motociclista 47enne in gravi condizioni al Cannizzaro

  • Prezzi delle case a Catania: la mappa zona per zona

  • Coronavirus, in Sicilia due nuovi casi e un morto

  • Non ce l’ha fatta Peppino Rizza, era ricoverato dal 10 giugno al Cannizzaro

  • Rete di pusher agiva in diverse piazze di spaccio, scattano gli arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento