La "casa dello spaccio" di un ucraino: arrestato e sequestrata droga per 15 mila euro

E' successo a Paternò e i carabinieri si sono insospettiti per il via vai dall'abitazione di un 19enne

I carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Paternò e dello squadrone eliportato Cacciatori di Sicilia hanno arrestato un 19enne di origini ucraine, poiché ritenuto responsabile di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti.
I militari, insospettiti da uno strano viavai di giovani da quella abitazione di via Bengasi, hanno approfittato dell’istante propizio per farvi irruzione e perquisirla.


Operazione che ha consentito di trovare e sequestrare 1,6 kg di marijuana sfusa e 50 dosi già pronte per essere piazzate al dettaglio, 1 bilancino elettronico di precisione, nonché del materiale comunemente utilizzato dagli spacciatori per confezionare la dosi di stupefacente da porre in vendita.


La droga, del valore di circa 15.000 euro, è stata sottoposta a sequestro, mentre il giovane è stato relegato agli arresti domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

Torna su
CataniaToday è in caricamento