Corte d'appello, Procura e Tribunale di via Crispi, uffici senza climatizzatore

"In inverno lavoratori con sciarpa e cappotto, adesso gravi malesseri a causa del caldo". Lettera a Zuccaro, Meliadò e Di Marco

Senza riscaldamento in inverno e adesso senza aria condizionata, anche nelle giornate più torride. È la Fp Cgil di Catania a segnalare il mancato funzionamento dell’impianto centralizzato dei climatizzatori degli Uffici ubicati al terzo piano della Corte di Appello, ed in particolare per quelli degli Uffici della Procura della Repubblica e del Tribunale di Via Crispi.

In una lettera firmata dal segretario generale della Fp, Gaetano Agliozzo e dalla responsabile provinciale del Dipartimento Giustizia per la Fp Cgil, Giovanna Marù, e indirizzata al presidente della Corte d'Appello, Meliadò, al Procuratore Zuccaro e al presidente del Tribunale, Di Marco si legge: "Già nel mese di gennaio 2016,avevamo segnalato le condizioni impossibili cui era costretto a lavorare il personale giudiziario a causa del mancato funzionamento dell’impianto di riscaldamento. Ed infatti, i lavoratori erano costretti a lavorare con sciarpa e cappotti. Ora il problema è opposto: le temperature troppo alte creano malessere psico-fisico ed impediscono ai lavoratori, ma anche a magistrati ed avvocati, di svolgere la loro ordinaria attività lavorativa. Sono trascorsi quasi sei mesi dalle vostre rassicurazioni, ma, nonostante i solleciti, a tutt’oggi il problema non è stato ancora risolto".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Fp Cgil, chiede in particolare che i tre vertici catanesi "intervengano con urgenza presso il Ministero della Giustizia e presso tutti gli organi competenti, compresa l’Azienda Sanitaria Locale e il settore Igiene Sanità Pubblica per l’assistenza sanitaria collettiva in ambienti di vita e di lavoro, quest’ultima per verificare i rischi per la salute dei lavoratori e le condizioni di lavoro in una struttura di cemento armato con insufficiente aereazione ed illuminazione e per risolvere definitivamente questa incresciosa problematica".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento