Venerdì, 18 Giugno 2021
Cronaca

Nigeriano perde le staffe e rompe la porta dell'ufficio immigrazione

Pur essendo stato invitato da un agente di polizia a distanziarsi dagli agli altri utenti, si è rifiutato di adempiere all'ordine ed ha sferrato un calcio alla porta d’ingresso della sala d’aspetto

Nei giorni scorsi l’ufficio immigrazione della questura etnea ha denunciato in stato di libertà, per danneggiamento, resistenza e rifiuto di fornire le generalità a pubblico ufficiale, il cittadino nigeriano A.S. di 27 anni. Era arrivato a Catania dalla provincia di Ravenna, in cui aveva ottenuto un permesso di soggiorno per richiesta asilo scaduto di validità, e voleva trasferirsi in questa provincia per richiedere il rinnovo.

Pur essendo stato invitato dall’operatore di polizia a distanziarsi dagli agli altri utenti, in ossequio alle note disposizione ministeriali per il contenimento dell’emergenza epidemiologica in atto, si è rifiutato di adempiere all'ordine ed ha sferrato un calcio alla porta d’ingresso della sala d’aspetto, provocandone la lesione del vetro. Inoltre, si è rifiutato di declinare le proprie generalità nel momento in cui ha compreso che si sarebbe proceduto penalmente nei suoi confronti. E' stato quindi fotosegnalato e denunciato. Considerando non aveva ancora alcun interesse lavorativo e affettivo nella provincia di Catania, il questore ha irrogato nei suoi confronti la misura di prevenzione personale del rimpatrio con foglio di via obbligatorio per la durata di 3 anni, ordinando allo stesso di fare immediato rientro nella provincia romagnola indicata.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nigeriano perde le staffe e rompe la porta dell'ufficio immigrazione

CataniaToday è in caricamento