Ufficio stampa "anomalo" al Comune? Anche il M5s vuole chiarezza

Sulla questione sollevata dal consigliere Manlio Messina relativa agli incarichi di addetti stampa del Comune di Catania, interviene anche il Movimento 5 Stelle: "La trasparenza della gestione della cosa pubblica è un dovere per chi amministra e un diritto dei cittadini"

Sulla questione sollevata dal consigliere Manlio Messina relativa agli incarichi di addetti stampa del Comune di Catania, interviene anche il Movimento 5 Stelle. 

"Il Movimento 5 Stelle di Catania vuole chiarezza sull’assunzione di Giuseppe Lazzaro Danzuso come consulente esterno per la comunicazione della società del gas Asec Trade e sulla probabile nomina di Giovanni Iozzia come addetto stampa dell’AMT, l’azienda municipale dei trasporti", si legge in una nota.

"Se fosse vero che Danzuso, di fatto, ha svolto e tuttora continua a svolgere attività di addetto stampa personale del sindaco e della sua giunta senza alcun contratto e che si sa già (come risulta anche da alcune dichiarazioni di Lungaro, Presidente dell’AMT)  che Iozzia dovrebbe essere il vincitore del bando dell’AMT, ci troveremmo di fronte ad una situazione quanto meno anomala e ad un triste ritorno al passato e a metodi da prima Repubblica, in contrasto con la tanto sbandierata Primavera di Bianco. Ci auguriamo pertanto che l’amministrazione comunale e, se è il caso, la Corte dei Conti facciano al più presto luce su questi fatti. La trasparenza della gestione della cosa pubblica è un dovere per chi amministra e un diritto dei cittadini".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento