Ufficio stampa Comune, l'Agcom archivia esposto di Catania Bene Comune

Si aggiunge un nuovo capitolo al romanzo catanese dell'ufficio stampa del Comune. Sull' esposto presentato da Matteo Iannitti di Catania Bene Comune arriva la pronuncia dell'Agcom, l'autorità garante per la comunicazione

Si aggiunge un nuovo capitolo al romanzo catanese dell'ufficio stampa del Comune. Sull' esposto presentato da Matteo Iannitti di Catania Bene Comune arriva la pronuncia dell'Agcom, l'autorità garante per la comunicazione.

Il Comune

Con la delibera del 22 marzo scorso, il consiglio dell'Autorità ha archiviato l'esposto negando di fatto la violazione delle norme in materia di Comunicazione, basando la decisione sul sostanziale disconoscimento dei due giornalisti da parte degli enti chiamati in causa - Comune di Catania e Città Metropolitana di Catania - e sulla rimozione di alcuni comunicati dai siti istituzionali. In particolar modo, nel documento dell'Agcom, si fa riferimento ad una nota del 27 febbraio 2018 con la quale Antonina Liotta, Direttore generale del Comune, ed il Capo di Gabinetto del Sindaco Gianluca Emmi, hanno dichiarato ufficialmente che “i sigg. Giovanni Iozzia e Giuseppe Lazzaro Danzuso non intrattengono alcun rapporto lavorativo né contrattuale con il Comune di Catania e la loro attività non è pertanto riferibile al Comune”. Fatto che, come precisano, non era mai stato affermato da loro. 

La diffida

Inoltre, nella stessa nota del Comune, si fa riferimento ad alcuni comunicati inoltrati agli organi di stampa in occasione della "Giornata del Braille". In questo caso, scrivono i dirigenti, "pur essendo riportata la dicitura “Comune di Catania-Ufficio Stampa” questa è “assolutamente impropria e non autorizzata dal Comune e, pertanto [...] è stata inoltrata apposita diffida alla riproduzione della predetta dicitura". Ma non solo. “Si rappresenta inoltre - aggiungono - che trattandosi di comunicati che non provengono in alcun modo dal Comune di Catania nessuna pubblicazione degli stessi è stata eflettuata sul sito internet dell'ente”.

La Città Metropolitana

Anche per la Città Metropolitana, si fa riferimento ad un comunicato dal titolo “Scuole-Mascalucia, il Sindaco metropolitano interviene per il liceo [...]" firmato dal sig. Giovanni lozzia "il quale alla data del 22/2/2018 - scrive l'ente - non intratteneva alcun rapporto contrattuale con la Clità Metropolitana di Calania". Secondo la Città Metropolitana la “notizia riportata era comunque una doverosa e indifferibile informazione per l'assolvimento delle fuzioni dell'amministrazione" ma "in ogni modo, ricevuta lo segnalazione, in via prudenziale, questa amministrazione ha provveduto alla rimozione del comunicato stampa oggetto di contestazione dal proprio sito istituzionale”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento