Ufficio stampa e portavoci del Comune, è ancora polemica

E' ancora polemica sulla questione relativa all'ufficio stampa del Comune e ai portavoce del sindaco Enzo Bianco. Dopo le denunce di Manlio Messina di Area Popolare e la replica del Gus, ritorna sull'argomento Catania Bene Comune e anche l'associazione Codici

E' ancora polemica sulla questione relativa all'ufficio stampa del Comune e ai portavoce del sindaco Enzo Bianco.  Dopo le denunce di Manlio Messina di Area Popolare e la replica del Gus, ritorna sull'argomento Catania Bene Comune  e anche l'associazione Codici.

LA NOTA DI CATANIA BENE COMUNE - "Basta con le menzogne, basta con le improbabili giustificazioni, basta con le prese in giro. Sulla vicenda dell'Ufficio Stampa del Comune di Catania il Sindaco ha l'obbligo di fare chiarezza, chiedere scusa all'intera città e ripristinare immediatamente la legalità.Inutili e vigliacchi sono stati nelle ultime ore i tentativi del Sindaco di scaricare su altri tanto le responsabilità politiche quanto la gestione della vicenda e le risposte mezzo stampa. Così come ignobile è stato il tentativo di trasformare un'importante e delicata vicenda che riguarda il funzionamento democratico e trasparente dell'Istituzione comunale in uno scontro tra politica e giornalisti: atto subdolo e fortunatamente già fallito. Come già chiarito infatti con Assostampa non vi è mai stata volontà di attaccare la professione giornalistica bensì la necessità, condivisa, di fare chiarezza sul funzionamento dei rapporti tra Comune di Catania e organi di stampa, in quanto è unanimemente condannato, oltre che illecito, l'utilizzo di personale privo di regolare contratto di lavoro col Comune di Catania per gli importanti e delicatissimi ruoli, normati dalla legge, di portavoce istituzionali dell'amministrazione e di ufficio stampa.Nulla impedisce, per entrare nel merito, all'avvocato Enzo Bianco di avvalersi della collaborazione di chi vuole, nella sua vita privata e fuori dalla funzione di massimo rappresentante istituzionale del Comune di Catania. Il Sindaco della città è invece tenuto a rispettare la legge e ad avvalersi degli uffici preposti per la comunicazione: l'ufficio stampa del Comune formato oggi dagli impiegati comunali, pagati dalla cittadinanza, Sebastiano Molino, Francesca Pavano, Angela Impastato e Salvatore Di Guardo. Se il Sindaco avesse riscontrato la necessità di nominare un “portavoce del Sindaco” avrebbe dovuto modificare, assumendosene la responsabilità politica e amministrativa, il piano di rientro finanziario e ripristinare tale figura nelle modalità prescritte dalla legge.È immensamente grave che due dipendenti privati dell'Avvocato Enzo Bianco svolgano funzioni all'interno del Municipio e curino la comunicazione tanto del Sindaco della città quanto, come affermato dall'Assessore D'Agata, degli Assessori. È grottesco che proprio il Sindaco che millanta il ripristino della legalità in città si ponga al di fuori delle regole creando un grave danno alle Istituzioni cittadine. La nomina di figure, anche a titolo gratuito, che svolgono attività per l'amministrazione pubblica è sempre normata dalla legge e impone dei parametri stringenti e dei vincoli a favore della legalità, dell'antimafia e della tutela delle Istituzioni. Inconcepibile il fatto che il Sindaco abbia reso possibile il fatto che persone esterne all'amministrazione comunale, senza alcuna nomina, senza alcun contratto e senza alcun vincolo con il Comune, nel pieno disprezzo delle norme, svolgessero mansioni che, per legge, vanno eseguite dagli uffici pubblici preposti, da personale qualificato, con responsabilità ben definite.Il Comune di Catania non è la casa del Sindaco in cui egli può fare ciò che vuole. Il Comune di Catania è dei suoi cittadini, funziona nel rispetto di leggi e regolamenti discussi e approvati dai rappresentanti della cittadinanza, il Sindaco ne è solo il massimo rappresentante. Egli non è al di sopra delle regole, anzi dovrebbe esserne il massimo garante.È doveroso oggi che il Sindaco, in prima persona, si assuma la responsabilità dello scandalo dell'Ufficio Stampa del Comune di Catania, chieda scusa alla città per ciò che da quasi due anni avviene nelle stanze del Municipio e ripristini immediatamente la legalità e il rispetto delle regole. I giornalisti Lazzaro Danzuso e Iozzia restino a disposizione della persona Enzo Bianco, come prevede il loro contratto (che nel rispetto della trasparenza dovuta dal Sindaco sarebbe opportuno rendere pubblico) ma non si occupino più della comunicazione dell'attività amministrativa del Sindaco e degli Assessori per cui esistono uffici preposti già pagati dai cittadini.Sarà poi la magistratura e la Corte dei Conti, come già affermato, ad accertare eventuali responsabilità circa il fatto che “il portavoce personale di Enzo Bianco” come affermato dall'Assessore D'Agata, “personalmente stipendiato da Enzo Bianco” come affermato da Assostampa, abbia potuto accedere, con chiamata diretta, alla carica di addetto stampa di una società interamente partecipata dal Comune di Catania di cui Enzo Bianco è massimo rappresentante. Una scelta, se non illegale, quantomeno inopportuna e politicamente scandalosa".

LA NOTA DI CODICI - “L’utilizzo al Comune di Catania di giornalisti portavoce personali direttamente retribuiti dal sindaco Bianco reso noto dall’assessore alla legalità Rosario D’Agata e confermato anche da fonti sindacali, crea una sovrapposizione tra interessi pubblici e privati che sembrerebbe violare l’obbligatoria funzione di imparzialità e trasparenza, a tutela dei cittadini, della Pubblica Amministrazione. E cioè ci chiediamo: questi giornalisti possono, senza alcun incarico formale, operare all’interno del Comune? Sono fatte salve le tutele di garanzia previste dalle leggi sul pubblico impiego, in tema di utilizzo delle risorse umane? Il “rapporto di lavoro personale col Sindaco” è compatibile con lo svolgimento, sine titulo, di una qualunque loro attività all’interno del Comune? Qual è il nesso tra la loro azione e quella degli organi di controllo interni al Comune, istituzionalmente preposti a garantire il regolare e trasparente Buon Andamento?” lo ha dichiarato Manfredi Zammataro Presidente dell’Associazione dei Consumatori CODICI – Centro per i Diritti del Cittadino- Sicilia per  il quale “A queste domande bisogna dare immediata risposta per non alimentare opacità su una vicenda che, com’è noto, scaturisce dalla polemica sul contestato e poi modificato bando di selezione per assumere un giornalista all’Amt con una retribuzione di 42 mila euro annui e l’ammissione del presidente Lungaro, messa a verbale, di conoscere preventivamente il nome del giornalista prescelto, che poi sarebbe uno dei due portavoce personali del sindaco di cui si discute. L’altro giornalista di fiducia personale del sindaco, invece, -prosegue Zammataro- risulta incaricato di una consulenza retribuita dal 13 dicembre 2013 presso l’azienda partecipata comunale Asec Trade con un contratto annuo di 35 mila euro: non è dato sapere se la sua individuazione sia avvenuta tramite una selezione pubblica o meno. E' evidente come tutti questi elementi impongono al sindaco Bianco e all’Amministrazione Comunale di fare subito chiarezza, per ristabilire trasparenza e linearità in una vicenda che rischia di apparire gravemente distorsiva rispetto all’ottimale impiego delle risorse cui gli enti Pubblici sono istituzionalmente chiamati. Qualora questo non dovesse tempestivamente arrivare,- conclude Zammataro- l’associazione CODICI si attiverà con una segnalazione al Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione dr. Raffaele Cantone."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento