rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Cronaca

Uil Fpl: il bilancio del segretario provinciale Passerello in vista della fine del mandato

A proposito di Comune di Catania, il segretario della Uil FPL evidenzia co-me sia necessario prestare attenzione alla problematica dei precari: "Senza di loro si fermerebbe la macchina burocratica"

WLa sanità catanese vive un momento positivo”. Lo afferma il segretario pro-vinciale della Uil FPL Stefano Passarello che traccia un bilancio di quasi fine mandato alla guida della funzione pubblica del sindacato da ben 19 anni. “La città può contare su 4 ospedali e 4 pronto soccorso e questo è un risultato importante: l’apertura del pronto soccorso del San Marco è stata fondamentale per quella zona della città - dice Passarello: si tratta di strutture nuove e aggiornate e, con la imminente apertura del nuovo pronto soccorso dell’ospedale Garibaldi Centro, potrà ancor più migliorare la risposta che si aspetta la città in tema di prima assistenza”. Il segretario evidenzia come l’emergenza pandemica abbia influito nella regolare attività ospedaliera ma “grazie al lavoro di tutti, si sta cercando di recuperare e di sfoltire le liste d’attesa, problema assai sentito per la sanità siciliana”. Anche da un punto di vista occupazionale, la risposta è stata positiva se si considera, ad esempio, che al Policlinico sono stati coperti tutti i posti di ca-posala, “ben 57 e questo è importante per garantire più sicurezza e più assistenza ai pazienti”, sottolinea il segretario della Uil FPL. Per far funzionare al meglio tutte queste strutture servirebbe più personale medico, infermieristico e paramedico, fa notare Passarello: “si potrebbe tenere conto del personale assunto per l’emergenza covid e garantire un prosieguo anche a partire dal 2023 sperando che la pandemia diventi un brutto ricordo”.

Passarello poi rivolge uno sguardo anche all’Asp di Catania che sta svolgendo sul territorio un ottimo lavoro: “con i direttori generali di Asp e dei nosocomi nosocomi catanesi la Uil FPL ha instaurato un ottimo dialogo che ha portato anche a risolvere questioni più difficili a tutela dei cittadini e dei lavoratori”. Un ultimo cenno poi viene fatto al Comune di Catania: è di qualche settimana fa la protesta per rivendicare alcuni diritti e per sottolineare come sia necessario che ci sia più personale per l’ente che registra ormai una carenza di organico preoccupante. “Vogliamo continuare a confrontarci con l’amministrazione etnea perché noi, come loro, vogliamo il meglio per questa città”, dice Stefano Passarello che ricorda che tra le questioni da risolvere c’è quella delle masse passive: “attendiamo di conoscere di chi sia il compito di liquidare queste masse passive, se del comune o della commissione straordinaria liquidazione. Speriamo arrivi quanto prima una risposta per il benessere di tutti”. E a proposito di Comune di Catania, il segretario della Uil FPL evidenzia come sia necessario prestare attenzione alla problematica dei cosiddetti "precari": “è opportuno un aumento delle ore lavorative considerando che il comune ha deficit di personale e le pratiche si accumulano: questo servirebbe anche al miglioramento della posizione lavorativa di questi dipendenti perché è una categoria spesso dimenticata e che invece è il fiore all'occhiello dell'amministrazione. Senza di loro si fermerebbe la macchina burocratica dell'Ente”, conclude Passarello.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uil Fpl: il bilancio del segretario provinciale Passerello in vista della fine del mandato

CataniaToday è in caricamento