Un "no" alla chiusura automatica di spiagge e foreste in Sicilia in caso di allerta meteo gialla

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CataniaToday

Un "no" alla chiusura automatica di spiagge e foreste in caso di allerta meteo gialla in Sicilia. L’Ars, infatti, ha approvato un ordine del giorno di Attiva Sicilia per rivedere le Linee guida in materia di fruizione delle aree a pericolosità che ricadono su spiagge, boschi demaniali, parchi e riserve naturali adottate dall’Autorità di Bacino lo scorso 3 luglio. L’ordine del giorno, proposto dalla deputata Valentina Palmeri, impegna al ritiro di queste Linee guida che, fra le varie criticità, prevedono l’automatica interdizione di spiagge, demani forestali, parchi e riserve naturali in Sicilia in caso di allerta meteo anche gialla, misura eccessiva non prevista in nessuna attività civile. Non si vuole far correre gravi rischi a nessuno e per questo va tenuto conto della normativa in materia di protezione civile che assegna i compiti di monitoraggio al Dipartimento Regionale e quelli di interdizione ai sindaci, ed escludono il demanio idrico e le altre aree a pericolosità. L’ordine del giorno è stato presentato anche in considerazione delle osservazioni provenienti da molti operatori del settore e adesso le Linee guide verranno elaborate sentiti tutti i soggetti interessati, ed approvati in sede collegiale dell’Autorità di Bacino, cioè sottoponendole alla Conferenza Operativa ed al Comitato Istituzionale.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento