Una convenzione con Sostare che "favorisca i quartieri a forte vocazione commerciale"

Questa è la proposta del consigliere comunale e presidente della commissione al Bilancio Vincenzo Parisi che sottolinea l'importanza di avviare una serie di iniziative, non legate specificatamente solo a questo particolare periodo dell'anno

Una convenzione con Sostare che favorisca i quartieri a forte vocazione commerciale in tutta la città. Questa è la proposta del consigliere comunale e presidente della commissione al Bilancio Vincenzo Parisi che sottolinea l’importanza di avviare una serie di iniziative, non legate specificatamente solo a questo particolare periodo dell’anno, ma che, tra la fine di Dicembre e gli inizi di Gennaio, possono rappresentare una vera e propria boccata di ossigeno per tanti imprenditori che vivono da troppo tempo un periodo di forte crisi economica.

"Ecco perché è fondamentale la creazione di una convenzione - si legge nella nota - sponsorizzata dal comune, attraverso la presenza della 'Sostare' e la partecipazione delle varie associazioni di categoria. In questo modo si potrebbe dare  la possibilità agli imprenditori di acquistare, a prezzo simbolico, un determinato quantitativo di biglietti che prevedano una sosta limitata per i loro clienti nei quartieri di Catania dove sono concentrati il maggior numero di negozi. Un servizio che incrementerebbe l’affluenza delle persone all’interno della piccola distribuzione ed eviterebbe il continuo viavai di consumatori verso i centri commerciali". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento