UniCt, concessa la proroga per i lavoratori dell'assistenza didattica

Riunione fiume ieri pomeriggio in Prefettura a Catania, in relazione alla vertenza del cambio d’appalto per i servizi di assistenza alla didattica dell’Università degli studi etnea

Riunione fiume ieri pomeriggio in Prefettura a Catania, in relazione alla vertenza del cambio d’appalto per i servizi di assistenza alla didattica dell’Università degli studi etnea. Una vicenda che ha tenuto con il fiato sospeso 170 lavoratori che, da oggi, avrebbero dovuto transitare con la società subentrante e iniziare il nuovo servizio che prevede il dimezzamento delle ore di lavoro rispetto all’appalto uscente.

Risolutivo l’intervento del Prefetto, Claudio Sammartino, che nei giorni scorsi era stato interessato sulla questione direttamente dai lavoratori insieme alle sigle sindacali Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs, Uil trasporti, Ugl terziario, Usb e Fiadel, poiché ha chiesto all’ateneo la concessione di una proroga di 15 giorni alla “Multiprofessional service” in qualità di società uscente che adesso dovrà continuare ad operare secondo il vecchio appalto.

“Vogliamo ringraziare sua eccellenza il Prefetto per l’impulso determinante che ha impresso ad una vertenza rimasta su un binario morto, considerata la definitiva chiusura dell’Università all’individuazione delle soluzioni richieste, per evitare il drastico decurtamento delle monte ore ai dipendenti coinvolti, dopo mesi di incontri e trattative. Si riapre dunque la partita - spiegano Davide Foti, Rita Ponzo, Giovanni Casa, Salvo Bonaventura, Carmelo Catalano, Corrado Tabita Siena e Carmelo Condorelli - e in queste due settimane insieme all’ateneo ed alla ditta affidataria del nuovo appalto, la Pfe, dovremo trovare un punto di incontro per non penalizzare i lavoratori in termini economici e contributivi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Tra di loro, ci sono molti padri di famiglia che non possono di certo ritrovarsi all’improvviso con uno stipendio dimezzato, a fronte di impegni finanziari magari assunti con la certezza di un contratto a tempo indeterminato ed in continuità, rispetto ai diritti acquisiti. Ci auguriamo, quindi, che da lunedì si ritorni a trattare nel solco del buon senso e nel rispetto degli impegni assunti dalle parti davanti al Prefetto ed al vice capo di gabinetto Tommaso Mondello.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

  • Coronavirus: Musumeci avvia la linea del rigore ma con chiusure parziali

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento