Cronaca Civita / Piazza Università

L'Unict diffida il Consorzio universitario di Ragusa

L'Università di Catania ha diffidato il Consorzio universitario della provincia di Ragusa per il pagamento di un importo pari a 650 mila euro, quale rata del piano di rientro

L’Università di Catania ha diffidato il Consorzio universitario della provincia di Ragusa per il pagamento di un importo pari a 650 mila euro, quale rata del piano di rientro (esercizio finanziario 2011) stabilito dall’accordo con transazione del 21 giugno 2010.

Il direttore amministrativo Lucio Maggio ha inviato la lettera al presidente del Consorzio universitario della provincia di Ragusa Enzo Di Raimondo, scrivendo che “l’amministrazione dell’Ateneo, alla luce di recenti e consistenti tagli di risorse, non è in condizioni di procedere ulteriormente ad anticipazione di somme tratte dal proprio bilancio”.

L’amministrazione dell’Università di Catania precisa inoltre che:

a) il saldo della prima rata, a.a. 2010/2011 (di importo complessivo pari a euro 1.450.000,00), relativa ai corsi di studio delle facoltà di Agraria, Giurisprudenza, Lingue e letterature straniere, con scadenza 31 ottobre 2010, è intervenuto soltanto con le seguenti carte contabili:
- euro 150.000,00 come da carta contabile n. 2344 del 4 luglio 2011;
- euro 200.000,00, come da carta contabile n. 2591 del 15 luglio 2011;

b) per quanto attiene alla seconda rata, a.a. 2010/2011, relativa ai corsi di studio della facoltà di Lingue e letterature straniere, con scadenza 30 giugno 2011, il Consorzio ha effettuato i seguenti versamenti a saldo:

- euro 300.000,00 come da carta contabile n. 2642 del 22 luglio 2011;

- euro 200.000,00 come da carta contabile n. 3136 del 19 agosto 2011;
- euro 250.000,00 come da carta contabile n. 3137 del 19 agosto 2011.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Unict diffida il Consorzio universitario di Ragusa

CataniaToday è in caricamento