Unict, lectio magistralis di Jean Marie Tarascon

Auto elettriche a batterie di litio nel prossimo futuro già dal 2012: oggi in rettorato il vincitore dell'Eni Award 2011, Jean-Marie Tarascon

L’automobile elettrica che si alimenta a litio? Potrebbe essere più vicina di quanto non si pensi, almeno secondo quanto ha annunciato questa mattina il prof. Jean Marie Tarascon, che proprio ieri ha ricevuto al Quirinale il premio Eni Award 2011 – Protezione dell’Ambiente dal presidente Napolitano e oggi è venuto all’Università di Catania, per tenere una conferenza sulle batterie a litio di ultima generazione, di cui è considerato il padre: quelle che, da qui a qualche decennio, potrebbero alimentare tutte le automobili del pianeta, quando il petrolio sarà definitivamente mandato in soffitta.

“Alcune fra le più importanti industrie automobilistiche – ha spiegato lo scienziato francese, che ha intrattenuto sulla sua scoperta un vasto pubblico di studenti nell’aula magna del Palazzo Centrale - hanno già annunciato per la fine del 2012 la produzione su vasta scala delle vetture elettriche al litio di prima generazione. Le previsioni di penetrazione riguardano tuttavia circa il 15% del mercato entro il 2020, pertanto non si può certo parlare di un imminente affrancamento dal petrolio. Al momento, i costi di produzione per le auto elettriche rimangono ancora alti, e questo è dovuto proprio all’uso del litio”.

Tuttavia la tecnologia sta avanzando rapidamente. Lo stesso Tarascon ha infatti sperimentato un nuovo modello di batterie elettriche a ioni di litio (Li-ion), attraverso dispositivi più sicuri, a basso costo e a ridotto impatto ambientale, che fruiscono di nuovi tipi di elettrodi, opportunamente progettati, basati anche su materiali organici. Le nuove batterie ad alte prestazioni e a costo contenuto messe a punto dallo studioso francese, direttore dell'Istituto di chimica dell'Université de Picardie “Jules Verne” di Amiens, possono rappresentare un fattore determinante per una larga diffusione dei veicoli elettrici nel sistema della mobilità, con importanti benefici di carattere ambientale.

Ma Tarascon si spinge oltre: “E’ anche possibile che in un futuro neanche troppo lontano ci saranno batterie elettriche che non conterranno neanche più il litio, e quindi dal punto di vista economico questo è un vantaggio”. “L'Università di Catania – ha detto il rettore Recca, introducendo l’ospite - è stata onorata di ospitare il prof. Tarascon, considerato il leader mondiale nel campo della ricerca sulle batterie al litio di nuova generazione, e lusingata per essere stata indicata dall’Eni come uno dei tre atenei italiani - Nord, centro e Sud – destinati ad ospitare le lezioni magistrali dei premiati con l’Eni Award 2011. La tematica al centro delle ricerche del prof. Tarascon è oltretutto estremamente importante per il nostro Ateneo, in quanto può offrire importanti ricadute nel campo della mobilità sostenibile, che noi incoraggiamo attraverso il nostro Ufficio di Mobility Management, oltre che dei nostri ricercatori”.

E proprio ai giovani ricercatori si è rivolto il segretario di Eni Award, Gian Maria Zaccone, invitandoli a candidare le loro idee ai concorsi banditi sempre da Eni per tesi di dottorato e progetti di ricerca sul tema dell'energia. “La ricerca innovativa in ambito ambientale – ha precisato Zaccone - è un settore su cui Eni punta molto e che suscita grande interesse, come dimostra l'alto numero di candidature pervenute per Eni Award, ben 1030, e da cui poi è emersa la ricerca del prof. Tarascon”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento