menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Unict: "Per non rimanere a casa, provo i test per più facoltà"

C'è chi vuole fare Economia, ma per sicurezza prova anche ad entrare in Scienze della Comunicazione. C'è chi vuole fare il medico e, nel frattempo, prova anche Scienze Politiche. In Viale Africa, i sogni si mettono da parte

Al centro fieristico Le Ciminiere, continua la settimana dedicata alle fatidiche - e parecchio discusse - prove d’ammissione ai corsi di laurea a numero programmato. Il 29 agosto, in prova gli aspiranti studenti di Economia e Scienze Agraria, nella seconda giornata è stato il turno delle future matricole di Scienze Politiche e di Scienze della Formazione. La scena è quella di uno spiazzale, delimitato da transenne per garantire un ingresso ordinato, affollato da giovani neodiplomati -e non - accompagnati da amici e parenti. L’ansia si avverte nell’aria:il futuro di questi ragazzi-come sostengono loro stessi-è la posta in gioco.

Giuseppe Scrofani, diplomato al Liceo Scientifico con 86, ha scelto Economia, ma farà il test anche per Scienze della Comunicazione.  “Inizialmente ero agitato per l’attesa, c’era una fila immensa, erano poco organizzati e abbiamo iniziato con 2 ore di ritardo”. Ma dopo aver sostenuto la prova, più rilassato e soddisfatto, è convinto che la preparazione di partenza lo abbia aiutato molto: “Qualche difficoltà l’ho avuta in alcune domande di cultura generale e in una comprensione del testo un po' complessa. Per la logica e la matematica non ho avuto, invece, alcun problema”.

La centista Adriana Pantorno, diplomatasi al Liceo Linguistico, ha invece sostenuto i test per Scienze Politiche, aspettando quelli di Medicina. “Sarei comunque soddisfatta in entrambi i settori, ma il mio sogno è quello di diventare medico. Per non correre il rischio di rimanere a casa, però, sosterrò anche quelli per professioni sanitarie e per lingue e letterature straniere”. Anche Adriana ha lamentato una scarsa organizzazione, era tesa perché non sapeva cosa l’aspettasse.  “Il tempo è volato, il test è stato facile e, infatti, ho risposto a tutto”, dice sorridendo e senza alcuna esitazione.

Nei prossimi giorni toccherà in ordine agli aspiranti studenti di Giurisprudenza e Farmacia, Scienze Motorie e Lettere e Lingue. Il calendario prevede che, fino al 5 settembre, i test saranno sostenuti presso i Padiglioni de Le Ciminiere, per poi spostarsi dal 6 e concludersi il 9 alla Cittadella Universitaria. A Siracusa si terranno le prove d’accesso in Architettura e a Ragusa, invece, quelle in Lingue e letterature straniere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Utenze

Rettifica della bolletta luce e gas: come richiederla

social

Forno a microonde: quali cibi non cucinare al suo interno

Alimentazione

Aglio: tipologie, proprietà e benefici

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento