Università, il prof. Francesco Priolo è il nuovo rettore

Toccherà a lui il delicato compito di tirare fuori l'Ateneo catanese dal pantano in cui si trova a seguito dell'inchiesta “Università bandita”

Il professor Francesco Priolo è il nuovo rettore dell'Università degli studi di Catania: lo scrutinio di oggi ha confermato lo scenario venuto fuori dalla prima tornata del voto e che era diventato sempre più concreto con il ritiro delle candidature dei professori Salvatore Barbagallo, Agatino Cariola e Roberto Purrello. Vittorio Calabrese aveva invece scelto di continuare la corsa fino all'esito definitivo. Durante lo scrutinio è scattato l'applauso della sala al raggiungimento del quorum (792 voti).

A Francesco Priolo, professore ordinario di Fisica della materia, toccherà il delicato compito di tirare fuori l'Ateneo catanese dal pantano in cui si trova a seguito dell'inchiesta “Università bandita”. Si conclude quindi il controverso iter che ha portato a queste elezioni, accompagnate da polemiche e scetticismo. Le voci critiche si sono levate anche dall'interno dell'istituzione accademica: diversi sono stati gli appelli rivolti ai vertici dell'Ateneo affinché si posticipasse la tornata elettorale per consentire un dibattito più ragionato e non dettato dalla “fretta”. Una cosa è certa: il nuovo corso dell'Ateneo starà a lungo sotto i riflettori, poiché le aspettative del mondo accademico, degli studenti e della società civile sono alte, anzi altissime. Soprattutto dopo “Università bandita”. 

Chi è Francesco Priolo

Nato a Catania il 25 novembre 1961, si è laureato in Fisica con 110/110 e lode nel 1985. Dopo un periodo di ricerca presso i Bell Laboratories di Murray Hill a New York (USA), nel 1991 è entrato in organico all’Università di Catania dove, dal 2001, è professore ordinario di Fisica della Materia e oggi è decano dei fisici. Fondatore (2004) e primo direttore del Centro di Ricerca MATIS confluito poi nel CNR, Presidente della European Materials Research Society (Strasburgo) per il periodo 2009-2011, Fellow della European Academy of Sciences, componente dei panel di selezione dello European Research Council, è presidente del Distretto Tecnologico Sicilia Micro e Nanosistemi e membro di numerosi comitati scientifici ed editoriali. All’Università di Catania è stato membro del Senato accademico, presidente della Commissione Ricerca di Ateneo, membro del Presidio di Qualità, delegato del rettore alle Relazioni internazionali, coordinatore del progetto che ha portato alla fondazione del centro di ricerche dell’Ateneo BRIT e presidente della Scuola Superiore di Catania (2013-2018). Attualmente è direttore del Dipartimento di Fisica e Astronomia “Ettore Majorana”. I principali campi di ricerca riguardano le nanotecnologie e i materiali per l’elettronica, la fotonica, ed il fotovoltaico. In questi campi è autore di oltre 400 pubblicazioni su riviste scientifiche internazionali con oltre 12.000 citazioni e un indice di Hirsch di 52.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

Torna su
CataniaToday è in caricamento