Valcorrente, sorpreso a scavare in un sito archeologico: arrestato

Il 51enne è stato sorpreso dai carabinieri in flagranza di reato mentre cercava oggetti di valore all'interno di un sito archeologico mediante un metal detector e un attrezzo adibito al dissodamento del terreno

I carabinieri di Belpasso, unitamente a quelli del nucleo carabinieri tutela patrimonio pulturale di Siracusa, hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Catania D.P.N. del 1962, pregiudicato per reati specifici, per violazioni commesse alla normativa in materia di ricerche archeologiche e possesso illecito di beni culturali appartenenti allo Stato.

Il 51enne è stato  sorpreso dai carabinieri in flagranza di reato mentre cercava oggetti di valore all’interno di un sito archeologico in contrada Valcorrente di Catania mediante un metal detector e un attrezzo adibito al dissodamento del terreno. Presso il domicilio del tombarolo, i Carabinieri hanno sequestrato 3 monete in metallo di varie epoche, un bottone metallico antico e una porzione di anfora.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

Torna su
CataniaToday è in caricamento