Vendita al dettaglio di bombole Gpl senza autorizzazioni, denunciata la titolare

Nel corso dell’ispezione le Fiamme Gialle di Caltagirone hanno rilevato l’assenza dei requisiti di sicurezza per entrambi i siti gestiti dall’azienda

I militari del comando provinciale della guardia di finanza di Catania, nell’ambito dei controlli in materia di vendita e stoccaggio di bombole di Gas Propano Liquido, hanno sottoposto a controllo una società di Scordia, avente un punto vendita al dettaglio nel centro cittadino e un deposito situato nella limitrofa campagna. Nel corso dell’ispezione le Fiamme Gialle di Caltagirone hanno rilevato l’assenza dei requisiti di sicurezza per entrambi i siti gestiti dall’azienda. Il quantitativo complessivo di bombole di gas detenuto presso i due locali era ampiamente superiore a quello previsto dalla vigente normativa. Infatti, il peso massimo detenibile presso le rivendite al dettaglio, solitamente dislocate all’interno dei centri abitati, può essere di Kg 75 mentre per i depositi è innalzato a Kg. 1.000.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tuttavia, all’esito del controllo, i finanzieri hanno rilevato che presso il punto vendita erano presenti 66 bombole di cui 44 piene (pari a 640 kg) e nel deposito risultavano stoccate 461 bombole di cui 154 piene (pari a 5.535 kg) e pertanto il quantitativo complessivo del valore commerciale al dettaglio di oltre 5.000 euro, è stato sottoposto a sequestro. La titolare della ditta individuale è stata infine denunciata all’Autorità Giudiziaria di Caltagirone per detenzione di materiale esplodente oltre i limiti consentiti, nonché per assenza del prescritto certificato di prevenzione incendi rilasciato da parte dei vigili del fuoco. Per tali illeciti è prevista la pena dell’arresto fino a 12 mesi nonché una sanzione amministrativa che prevede il pagamento di una somma fino ad un massimo di 10.000 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Via Leopardi, carabinieri scoprono un "buco" che collegava una casa disabitata ad una banca

  • Operazione antimafia, nel mirino i "fedeli collaboratori" del clan Santapaola-Ercolano: 21 arresti

  • Incidente stradale a Paternò, scontro fra due mezzi pesanti: un morto

  • "Iddu" e "idda": il terrore di Giarre e Riposto, stroncata dai carabinieri la cupola di La Motta

  • Covid, bonus matrimonio: governo Musumeci stanzia oltre 3 milioni di euro

  • Corte dei Conti: condannato l'ex sindaco di Catania Enzo Bianco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento