Raffiche di vento e caduta di rami in Circonvallazione, Campisi: "Bisogna intervenire"

I consiglieri della seconda circoscrizione Alessandro Campisi e Adriana Patella esprimono preoccupazione per la presenza di alberi alti oltre i dieci metri su strade della città molto trafficate

"Passata l’emergenza legata alle forti raffiche di vento, che hanno causato la caduta di molti rami finiti in mezzo alla strada, l’amministrazione comunale deve rimboccarsi le maniche e fare tesoro di questa esperienza per avviare finalmente un piano di potatura degli alberi che nella II municipalità aspettiamo da troppo tempo". Lo afferma il consigliere della seconda municipalità Alessandro Campisi dopo i problemi verificatisi ieri in città a causa di una tromba d'aria.

"Il territorio di Picanello-Ognina-Barriera-Canalicchio è caratterizzato dalla presenza di centinaia di alberi alti oltre dieci metri -continua Campisi - che, con qualsiasi tipo di condizione atmosferica avversa, rappresentano un enorme rischio per l’incolumità della gente. I rami o addirittura interi alberi caduti in via Braille, via Leucatia, via Lo Jacono e in molte altre strade della II municipalità sono un evidente campanello d’allarme che l’amministrazione deve tenere nelle giusta considerazione".

"Dal 2014 in qualità di consiglieri della seconda municipalità - sottolineano Alessandro Campisi e Adriana Patella - chiediamo urgenti interventi di manutenzione del verde. Tre anni fa l’emergenza si concentrava sopratutto nel triangolo compreso tra via Coffa Caruso, via Vincenzo Monti e da via Saverio Fiducia. Oggi il problema riguarda interi rioni. Strade come  viale Odorico da Pordenone, via Braille e viale Ulisse, in cui confluiscono ogni giorno decine di migliaia di vetture, devono essere costantemente controllate per la presenza di decine di alberi caratterizzati da un folto fogliame. Non solo, molte piante pendono pericolosamente verso la strada".

" Dopo l’ennesima caduta di rami ed alberi in via Braille e in via Leucatia, che fortunatamente non hanno colpito nessuno aspettiamo ancora una volta che il Sindaco e l’assessore competente intervengano immediatamente per risolvere definitivamente la questione. Oggi  -concludono Campisi e Patella  - il territorio paga un caro prezzo in termini di sicurezza e vivibilità. Disagi che riguardano anche le condizioni del manto stradale. Asfalto pieno di buche ed avvallamenti a causa della continua crescita delle radici delle piante. Non solo, la gente dai piani più alti delle palazzine circostanti non può nemmeno affacciarsi dal balcone perché si ritrova le fronde dei pini quasi fin dentro casa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

  • Un incendio per disfarsi delle cimici, smantellate due piazze di spaccio: 16 arresti

  • Coronavirus, registrate complicanze neurologiche nei bambini coinvolti

Torna su
CataniaToday è in caricamento