Verde pubblico prima circoscrizione, la denuncia: "Degrado e abbandono"

"Il 4 febbraio - spiegano i consiglieri Penna e Strano - è stato richiesto formalmente l'intervento di potatura degli alberi di via Serravalle. Nonostante ulteriori segnalazioni tutt'oggi ancora non si è provveduto all'intervento. È stata inoltre richiesta la potatura degli alberi di piazza San Francesco di Paola"

I consiglieri Strano Giuseppe e Penna Antonino della prima circoscrizione segnalano lo stato di abbandono e di degrado in cui versano le piazze della città, che impedisce così un sereno godimento di questi luoghi pubblici.

"Il 4 febbraio -spiegano - è stato richiesto formalmente l'intervento di potatura degli alberi di via Serravalle. Nonostante ulteriori segnalazioni tutt'oggi ancora non si è provveduto all'intervento richiesto. È stata inoltre richiesta la potatura degli alberi di piazza San Francesco di Paola contattando anche telefonicamente il dirigente al servizio del verde. L'anziano zio Natale, quale frequentatore della summenzionata piazza, successivamente è stato sfiorato da un ramo caduto a causa del forte vento e probabilmente dalla mancata manutenzione. Nelle stesse situazioni di abbandono versano diverse piazze tra cui piazza Cutelli. Alcuni mesi fa sono stati sostituiti le palme killer con gli alberi di lecci donati dalla Farmitalia i quali sono stati abbandonati. Le aiuole sono diventate delle sterpaglie, l'impianto di irrigazione non funziona e la vasca è piena di muschio viscido forse perché non viene pulita.

"Questi problemi li riscontriamo anche nelle altre piazze di Catania, vedi piazza Maiorana, Piazza dei Martiri, Largo Don Puglisi dove ci soffermiamo per ricordare che questo spazio è stato teatro di diverse speculazioni derivati dai contributi del Progetto “ Agenda 21” di precedenti amministrazioni, e la stessa è stata ristrutturata ben 2 volte e a tutt’oggi si presenta in uno stato di abbandono e degrado nonostante diverse richieste d’interventi"

"Sul sito si evidenziano la mancanza assoluta di illuminazione e le grate sono state rubate con conseguenze di pericolo per l’incolumità dei bambini e dei residenti quali frequentatori di  questo spazio. A causa di ciò ci siamo attivati per conoscere la situazione relativa alla gestione del personale adibito alla manutenzione del verde pubblico che così risultano essere: 87 unità di cui 74 dipendenti della Multiservizi (per la manutenzione del verde pubblico cittadino) e 13 dipendenti del Comune di Catania impegnati giornalmente alla manutenzione del verde pubblico di Villa Bellini. A questo punto abbiamo chiesto al presidente della circoscrizione di convocare urgentemente un consiglio invitando i responsabile del settore del verde pubblico nonché il presidente della Catania Multiservizi per fare chiarezza sulla situazione fin qui esposta, ponendo le immediate soluzioni, e chiedendo,inoltre l'impiego delle somme di denaro destinate alle circoscrizioni dove è stato proposto di realizzare delle bambinopoli che fine hanno fatto. Tutto ciò perché il verde pubblico è un bene che appartiene a tutti e poterne godere è un diritto che deve essere garantito da ogni virtuosa amministrazione"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

  • Le misure restrittive fino al 31 gennaio per le "zone rosse" della provincia etnea

Torna su
CataniaToday è in caricamento