Vertenza Aligrup: ancora nessuna vendita, la protesta continua

Si parla tanto di vendita quasi fatta, ma di concreto non c'è ancora nulla. E così il lavoratori di Aligrup - che hanno costituito un comitato- promettono proteste e sit-in nelle piazze etnee

E' ancora "in forse" il futuro dei dipendenti di Aligrup. Venerdì scorso, i lavoratori degli uffici che operano nella sede Aligrup di San Giovanni La Punta e i colleghi del deposito ubicato nella zona industriale di Catania, si sono riuniti in assemblea nella sala congressi del Polivalente di Aci Bonaccorsi, messo a disposizione dal sindaco, Mario Alì, anch'egli, da anni, dipendente Aligrup.

Si attende però il 5 novembre, l'udienza della ammissibilità della procedura per la ristrutturazione dei debiti. Tra i possibili acquirenti, il gruppo Abate interessato ai punti vendita di via Fisichelli (S. Giovanni La Punta), via Ravanusa (Tremestieri), via Maimonide (Paternò), via Verona e via Lessona (Catania), via Belfiore (Valverde), via Garibaldi (Viagrande) e quello di Bronte.

E ancora "Arena" che acquisirebbe i punti Cash e di via Balatelle (San Giovanni La Punta), e quelli di Valguarnera, Giarre e di via Carnazza a Tremestieri. "Ergon", interessato ai punti vendita acesi di Capomulini, Le vele e Cash di via Lazzaretto.

Avrebbero mostrato inoltre interesse Cds Romano per il punto vendita di San Cataldo; Leone (Pam) per quello di via Carducci ad Acireale. Altri gruppi come Palermo Discount, sarebbero pronti a concludere la trattativa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma quallo che preoccupa principalmente i dipendenti di Aligrup è con quale criterio saranno ricollocati i lavoratori presso i nuovi soggetti imprenditoriali. Per questo sono sul piede di guerra come fa sapere Michele Russo, coordinatore del comitato spontaneo sorto fra i dipendenti degli uffici e del deposito. "Avvieremo un'azione di protesta -precisa Russo - Cominceremo mercoledì prossimo alle 20 con una tavola rotonda in piazza a San Giovanni La Punta, con la partecipazione di tutti i sindaci dei comuni dove sono presenti i punti vendita. Venerdì alle 10 andremo davanti alla sede della Provincia per chiedere d'essere ascoltati dal presidente Castiglione. E ancora organizzeremo sit-in nelle principali piazze etnee. Se non vendremo spiragli chiuderemo anche i ponti tra gli uffici e i punti vendita".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 3 luglio 2020

  • Non ce l’ha fatta Peppino Rizza, era ricoverato dal 10 giugno al Cannizzaro

  • Scoperto traffico di auto rubate: 5 in manette

  • Abitazioni minacciate dalle fiamme a Motta Sant'Anastasia

  • Per ripicca contro il compagno butta il suo cane dal quarto piano: denunciata

  • Corsa clandestina, il cavallo cade in un fossato e muore: 16 denunciati

Torna su
CataniaToday è in caricamento