rotate-mobile
Cronaca

In stallo la situazione dei 200 lavoratori ex Auchan di Misterbianco

Rifondazione Comunista denuncia "l'assordante silenzio delle Segreterie confederali provinciali di Cgil, Cisl e Uil su una vertenza che tocca 200 posti di lavoro e le rispettive famiglie"

Nulla di fatto nell'incontro dell'8 luglio tra la delegazione dei lavoratori ed un emissario della ditta Effepi srl che, secondo quanto riferito dai sindacalisti di Rifondazione Comunista, dichiara di non avere procura a trattare senza quindi avere alcun potere decisionale e di firma su qualsiasi argomento. "Come se il destino occupazionale di 200 lavoratori non fosse un tema più che pressante - dichiarano Mimmo Cosentino, Segretario provinciale di Rifondazione e Nicola Candido, Segretario regionale - per dare responsabilmente una risposta da parte di un imprenditore. Ma si tratta di imprenditori o prenditori e basta? Chi sono i veri proprietari dell'ex punto vendita Auchan, un ipermercato che fatturava un milione di euro al mese, che fine hanno fatto i soldi dell'azienda e, soprattutto, i soldi dei lavoratori? Rifondazione Comunista denuncia all'opinione pubblica l'assordante silenzio delle Segreterie confederali provinciali di Cgil, Cisl e Uil su una vertenza che tocca 200 posti di lavoro e le rispettive famiglie. Perché davanti all'azienda c'é solo il presidio della Uil? Dove sono le categorie nazionali del Commercio in questa vertenza? Chiediamo - concludono -  l'intervento del Prefetto di Catania, per la sensibilitá mostrata su questi temi, affichè convochi le parti sociali e costringa la proprietá di Effepi srl a dichiarare le intenzioni commerciali sul presente (crediti dei lavoratori) e sul futuro di un punto vendita".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In stallo la situazione dei 200 lavoratori ex Auchan di Misterbianco

CataniaToday è in caricamento