menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
fonte foto 95047.it

fonte foto 95047.it

Vertenza Qè Call center, seicento lavoratori a rischio: "Si prenda una posizione"

Si terrà venerdì 23 settembre una manifestazione e un corteo dei lavoratori del Qè Call centera Catania. Concentramento in piazza Roma

Slc Cgil e Fistel Cisl di Catania organizzano per domani venerdì 23 settembre una manifestazione con corteo delle lavoratrici e dei lavoratori del call center Qè di Paternò con concentramento alle ore 9,30 in piazza Roma.

È previsto un corteo con sit-in e presidio che terminerà davanti al palazzo dell'Esa. Seicento lavoratori rischiano di entrare nel tunnel della precarietà sociale ed economica con un conseguente impoverimento del nostro territorio.

Per Davide Foti, segretario generale Slc Cgil e Antonio D'Amico, segretario generale Fistel Cisl: "Sarà una giornata di protesta delle lavoratrici e dei lavoratori del call center per sollecitare le istituzioni locali, regionali e nazionali ad una seria e netta presa di posizione. È infatti necessario che si arrivi all'apertura di un "tavolo di crisi" al Ministero dello Sviluppo Economico. Invitiamo tutti i parlamentari nazionali e regionali, sindaci delle provincie catanesi e il sindaco della città metropolitana di Catania, a dare un segnale di vicinanza e solidarietà non solo partecipando alla manifestazione, ma anche impegnandosi in prima linea con atti concreti che portino soluzioni di continuità occupazionale".

“Bisogna scongiurare il licenziamento dei lavoratori del Call center Qè di Paternò, un’azienda che gestisce commesse inbound e outbound per diverse aziende, Wind e Sky, con partecipazioni anche statali come INPS ed Enel”. Questo l’appello delle deputate Luisa Albanella, Camera dei Deputati, e Concetta Raia, Assemblea Regionale Siciliana, che hanno già presentato due interrogazioni urgenti nelle rispettive sedi istituzionali, annunciando la loro partecipazione domani al corteo organizzato dai lavoratori. Sarà presente anche l’assessore al Welfare del comune di Catania, Angelo Villari.

La parlamentare Albanella ha anche chiesto e ottenuto per la settimana prossima un incontro tra le organizzazioni sindacali e il presidente della Commissione Lavoro alla Camera, Cesare Damiano.

“Da diverso tempo, l’azienda vive una crisi che appare ormai irreversibile ponendo a rischio il futuro di circa 600 lavoratori – spiegano le deputate democratiche – dopo la cassa integrazione, i contratti di solidarietà, il fallito tavolo tecnico in Prefettura a Catania con il passo indietro delle società Gpi e Transcom, che avevano manifestato l’interesse ad acquistare il call center, oggi l’azienda, con un debito di circa 6,5 milioni di debito dei quali, secondo le stesse dichiarazioni dell’amministratore unico, la maggior parte deriverebbe dal mancato pagamento dell’IVA, con conseguente attestazione di evasione fiscale, sembra proiettata verso il fallimento”. “Tutto ciò è inaccettabile – aggiungono – all’incertezza del domani, per i lavoratori si aggiunge il dramma quotidiano di non percepire lo stipendio già da 3 mesi” . Entrambe le interrogazioni sollecitano l’apertura di un tavolo di crisi al Ministero dello Sviluppo economico al fine di trovare soluzioni idonee alla salvaguardia del posto di lavoro, in un territorio già segnato da una profonda crisi economica ed occupazionale quale quello della provincia di Catania.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

McDonald’s, l’iniziativa "Sempre aperti a donare" arriva a Catania

Utenze

Rettifica della bolletta luce e gas: come richiederla

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Nuovo furto alla "Campanella Sturzo" di Librino: è il quarto in due mesi

  • Cronaca

    Trasporta in un suv 7 chili di marijuana "skunk": arrestato

  • Cronaca

    Smantellate piazze di spaccio tra Ragusa, Catania ed Agrigento

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento