rotate-mobile
Cronaca

Via Castromarino, i disagi a causa del cantiere continuano: "Siamo senza telefono e internet da una settimana"

I lavori per la realizzazione della tratta metropolitana Stesicoro-Palestro proseguono e, con essi, quelli di demolizione del palazzo sotto l'occhio del ciclone: "Hanno danneggiato la cabina e i cavi della fibra ottica, non ne possiamo più", lamentano commercianti e residenti

"Non ne possiamo più, da quando sono cominciati i lavori abbiamo perso almeno 300 euro al giorno". Giovanni (nome di fantasia) è il titolare di un'attività commerciale in via Lago Di Nicito, proprio nell'area in cui vanno avanti da due anni i lavori per la realizzazione della tratta metropolitana Stesicoro-Palestro. Lavori, questi, che hanno già creato non poche difficoltà agli ex inquilini dell'edificio parzialmente crollato in via Castromarino che ha costretto circa cinquanta famiglie ad abbandonare le proprie case e cercare un'altra sistemazione. Ma i disagi non sono prerogativa di chi abitava il palazzo da due anni sotto l'occhio del ciclone. Anche residenti e commercianti lamentano le difficoltà da fronteggiare in un'area sottoposta a cantiere: dall'interruzione di servizi essenziali come la fornitura di energia elettrica, fino agli ostacoli diretti e indiretti che subisce chi gestisce locali commerciali o di ristorazione nella zona.

"Tra sbarramenti, ringhiere e strade e marciapiedi completamente inaccessibili anche noi perdiamo clienti", lamenta Giovanni a CataniaToday. Tra i disagi subiti, l'ultimo in ordine di tempo è il presunto danneggiamento di una cabina telefonica che serve anche la linea internet tramite fibra a molti abitanti del quartiere. "Dopo due anni siamo ancora alle prese con innumerevoli disagi - incalza Giovanni -, siamo senza telefono e senza internet da una settimana". Circostanza, questa, che crea non poche difficoltà a chi in quella zona pratica la proria attività. Così a Giovanni non resta che chiamare il proprio operatore telefonico. "Mi hanno detto che da parte loro non c'era nessun guasto e che avrebbero mandato i tecnici", spiega Giovanni. Pochi giorni dopo gli operatori si presentano in via Castromarino. "La prima volta hanno individuato il guasto", dice il commerciante. La causa consisterebbe nella non corretta esecuzione dei lavori che sarebbe stata la causa del danneggiamento dei cavi della fibra ottica e della cabina telefonica. "'Non possiamo fare niente'", è quanto si sente rispondere il commerciante dai tecnici. 

Complice il disservizio, Giovanni però non riesce a portare avanti la propria attività e così decide di richiamare il servizio clienti. "Dopo diverse telefonate - prosegue - i tecnici sono tornati per effettuare un altro sopralluogo chiedendo di entrare nell'area cantiere per valutare le condizioni della cabina". Ma la risposta da parte degli operai non è incoraggiante. "Non possiamo farvi entrare perché non siamo autorizzati", è quanto si sarebbe sentito rispondere il tecnico secondo il racconto di Giovanni. La questione sembra andare per le lunghe. "È un problema perché non possiamo fare la chiusura cassa e ricevere prenotazioni diventa sempre più complicato - lamenta il commerciante - ci stanno procurando un danno economico non indifferente". Disagi, questi, che secondo chi ha ricostruito la vicenda potrebbero continuare ancora a lungo. "Da quello che ci hanno detto i tecnici pare che si debba rifare la rete di sana pianta", conclude Giovanni. 

A sollevare la questione con un video sui propri profili social è stato il consigliere comunale del Movimento cinque stelle Graziano Bonaccorsi. Nel video il consigliere riprende anche la cabina telefonica oggetto del presunto danneggiamento. "È una vergogna - attacca Bonaccorsi - hanno cominciato i lavori di demolizione senza che i vigili del fuoco, la protezione civile, la polizia municipale si siano mai fatti vedere". E lancia un appello al Comune: "Amministrazione comunale che dobbiamo fare?". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Castromarino, i disagi a causa del cantiere continuano: "Siamo senza telefono e internet da una settimana"

CataniaToday è in caricamento