rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Cronaca Cappuccini / Via Castromarino

Via Castromarino, diverse famiglie escluse dal "rimborso" Cmc: "Un paradosso"

La rabbia di quasi dieci nuclei familiari che hanno perso l'abitazione. I loro appartamenti erano attigui a quello di via Castromarino e sono inagibili. Mentre l'edificio sarà acquisito dall'azienda che sta effettuando i lavori della Metro per queste famiglie non è stato previsto ancora nulla come compensazione

La vicenda dell'immobile di via Castromarino - crollato nel gennaio 2020 - continua a tenere banco. Alcune svolte sono arrivate proprio di recente con l'annuncio giunto dalle istituzioni, quali il vice ministro Giancarlo Cancelleri e il sindaco Salvo Pogliese, della volontà dell'impresa Cmc di acquistare l'immobile crollato e di liquidare i proprietari che hanno perso l'abitazione. La fase due vedrà la ricostruzione dell'immobile che potrà essere utilizzato dalla stessa ditta (incaricata della costruzione della restante linea metro a Catania) o venduto. 

Però c'è chi è stato "dimenticato" in questa operazione. Si tratta dei residenti che abitavano negli edifici attigui a quello via Castromarino, incrociando con la via Plebiscito, e che - essendo ormai fuori casa da due anni - hanno fatto sentire tutto il loro malcontento. Come spiega la professoressa Oriana Pappalardo, portavoce delle famiglie sfollate, siamo dinanzi a una storia "a lieto fine" ma raccontata solo parzialmente,

"È vero che il palazzo crollato è stato acquistato da Cmc e alcuni – sottolineo alcuni - di noi sfollati di via Castromarino e via Plebiscito - dice Oriana Pappalardo - con mia immensa gioia, sono finalmente usciti dall’incubo, il problema è che ci sono ancora ben 3 immobili inagibili e inabitabili coinvolti nel crollo, nei quali abitavano la mia e altre 7 famiglie proprietarie che, dopo due anni, restiamo ancora senza casa, senza beni, costrette a pagare di tasca nostra esosi affitti, senza avere alcuna responsabilità sulla disgrazia piovutaci addosso 2 anni fa. In modo del tutto arbitrario, siamo stati esclusi dalla trattativa, quando alla realtà dei fatti i due immobili di via Plebiscito si affacciano proprio sull’immensa voragine".

"Addirittura l’immobile di via Castromarino 11 - prosegue - ha la scala, fortemente danneggiata, in comune proprio con parte del palazzo crollato, acquistato da Cmc. Con quale criterio razionale e logico quindi 8 famiglie siamo state ignorate e lasciate per la seconda volta al nostro destino? Chi ci assicura che questi edifici, iniziati i lavori, non crollino definitivamente? E noi nel frattempo dovremo continuare a pagare l’affitto, a pagare per colpe non nostre? E addirittura, secondo l’ordinanza del sindaco Pogliese del 15 maggio 2021, dovremmo noi renderle abitabili in un futuro lontano? Naturalmente non staremo a guardare e continueremo la nostra battaglia legale, rappresentati dal nostro avvocato Lipera, vogliamo e otterremo giustizia". Battaglia che continuerà nelle aule del tribunale visto che vi è una udienza già fissata per il 25 gennaio 2022. Intanto gli sfollati stanno trascorrendo l'ennesimo Natale lontani dalle loro case e con l'amaro in bocca per una vicenda che non per tutti ha avuto un risvolto quantomeno meno doloroso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Castromarino, diverse famiglie escluse dal "rimborso" Cmc: "Un paradosso"

CataniaToday è in caricamento