Allagamenti in via Cigno, al via la raccolta firme del consigliere Giacone

Il consigliere della quarta circoscrizione ha raccolto le lamentele dei cittadini della zona che richiedono all'amministrazione comunale una serie di interventi per evitae

Non appena arriva la pioggia in via Cigno, la strada si allaga. Un tombino otturato non consente all'acqua piovana di defluire e i residenti della zona lamentano il proble,a che si ripropone, volta per volta, con l'arrivo del maltempo in città. 

Il consigliere della quarta circoscrizione Mirko Giacone ha allora deciso di lanciare una raccolta firme per chiedere ufficialmente all'amministrazione comunale di intervenire. 

"Ringrazio i residenti di avermi voluto portavoce dei problemi esistenti nella via, - afferma il consigliere della quarta municipalità -  in termini di carenza di pulizia, che invece dovrebbe avvenire periodicamente e per la presenza di un tombino otturato che causa allagamenti durante le violenti piogge, considerato anche che la pendenza di via Macello che fa si che tutta l’acqua piovana, finisca in questa via. Chiedo pertanto all’amministrazione centrale di garantire questi servizi essenziali ai cittadini, perché non esistono cittadini di serie A e di serie B. Anche le periferie devono essere gestite con diligenza. Mi auguro che stavolta, forti di questa raccolta firme, l’amministrazione non si dimostri sorda alle richieste di questi concittadini”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento