Crollo in via Crispi, migliorano le condizioni della bimba di 10 mesi

Il Sindaco Bianco annuncia che "la piccola Malika è stata risvegliata e reagisce agli stimoli, ma rimane in prognosi riservata" e chiede ai cittadini di aiutare la famiglia che a causa dell'esplosione ha perso tutto

Le condizioni della bimba di 10 mesi gravemente ferita durante il crollo della palazzina di via Crispi, migliorano di giorno in giorno. La piccola italo-marocchina a causa dell'esplosione avvenuta nella notte tra il 25 e il 26 febbraio ha subìto lesioni gravi alla testa ed ancora ricoverata nel reparto di rianimazione dell'ospedale Garibaldi Nesima.

Ad annunciare il miglioramento dello stato di salute della bambina è il sindaco Enzo Bianco:"Buone notizie su Malika, la bambina gravemente ferita nell'esplosione e crollo dell'immobile di via Crispi. Ho parlato anche oggi con il Primario del reparto del Garibaldi. La bambina è stata risvegliata. Reagisce, e i segnali sono incoraggianti. Ovviamente le lesioni sono gravissime. La prognosi è riservata al momento, ma possiamo sperare. Chi può dare una mano ai genitori che hanno perduto tutto (abbigliamento, scarpe, indumenti..) dia la disponibilità!" scrive il primo cittadino sulla sua pagina facebook.

Risultato indagato dalla procura di Catania per l'esplosione il 60enne sopravvissuto e attulamente ricoverato per ustioni all'ospedale Civico di Palermo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento