Via Etnea: un altro allarme bomba alle Poste, erano solo libri

Nell'arco di un mese gli artificieri sono intervenuti tre volte per la segnalazione di pacchi sospetti lasciati alle Poste di via Etnea. In tutti i casi è emerso che i pacchi contenevano libri

Nell’ultimo mese le Poste di Via Etnea sembravano essere sotto attacco di terroristi. Gli artificieri dei Carabinieri e della Polizia di Stato sono infatti intervenuti ben tre volte per la segnalazione di pacchi sospetti posti sulla cassetta postale a ridosso degli Uffici della Direzione Provinciale delle Poste. In  tutti e tre i casi è emerso che i pacchi, indirizzati ad una biblioteca, contenevano semplicemente dei libri.

Durante i servizi predisposti per individuare chi fosse il mittente che ha creato tanto scompiglio i militari della Stazione  di Piazza Verga hanno notato un uomo che inseriva nella solita cassetta postale un pacco simile per confezionamento e volume a quelli rinvenuti le volte precedenti e lo hanno bloccato.

L’immediato controllo ha permesso di accertare che anche questa volta il pacco conteneva un libro e che l’uomo, un professore universitario catanese in pensione, di 73 anni, con probabili problemi psichici, ignaro di ciò che poteva succedere, aveva lasciato quegli oggetti in precedenza sulla cassetta postale con la reale intenzione di spedirli ma, poiché  più grandi della buca delle lettere aveva pensato di lasciarli sopra.

Il pacco intercettato dai militari, invece, essendo di dimensioni minori, è stato regolarmente imbucato. L’immediata e pronta risposta dei militari ha permesso di risolvere un caso che ha creato un certo allarmismo nella zona. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, nuova ordinanza regionale: ecco le restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

  • Le misure restrittive fino al 31 gennaio per le "zone rosse" della provincia etnea

Torna su
CataniaToday è in caricamento