Via Etnea, lavoratori Almaviva in corteo contro licenziamenti

In corteo lungo la via Etnea per chiedere l'intervento del Prefetto a sostegno della loro vertenza. La causa della protesta è purtroppo nota: l'esperienza di Almaviva a Misterbianco (1250 addetti e altrettanti lavoratori " a progetto") potrebbe concludersi con una lunga sequenza di licenziamenti

Questa mattina i lavoratori catanesi del call center Almaviva sono scesi in piazza. In corteo lungo la via Etnea per chiedere l'intervento del Prefetto a sostegno della loro vertenza. La causa della protesta è purtroppo nota: l'esperienza di Almaviva a Misterbianco (1250 addetti e altrettanti lavoratori " a progetto") potrebbe concludersi con una lunga sequenza di licenziamenti. 

Spiegano  i segretari di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil e Ugl Comunicazioni di Catania:  "Il rischio licenziamenti sarebbe da attribuire alla mancanza di regole nel settore ed in particolare al sistema di aggiudicazione degli appalti che ancora vengono assegnati attraverso il meccanismo del massimo ribasso che non permette di tenere conto del costo della mano d'opera e per gli effetti della delocalizzazione delle attività verso i Paesi non appartenenti alla UE. La gara d'appalto per la commessa Wind che i lavoratori di Almaviva gestiscono da più di un decennio, infatti, a causa del meccanismo del massimo ribasso, potrebbe essere assegnata ad altre aziende che non hanno al momento alcun obbligo di assumere i lavoratori eventualmente licenziati da Almaviva. Ciò perché la direttiva europea in materia di cambio d'appalto in Italia non è stata recepita in maniera favorevole ai lavoratori. Nel resto d'Europa ciò non sarebbe possibile. Lo stesso Jobs Act appena definito dal Governo sancisce la mancanza di regole nel campo dei cambi d'appalto, lasciando perciò i lavoratori indifesi rispetto a questo meccanismo. Con questa protesta vogliamo anche sollecitare il governo locale e regionale  ad intervenire a sostegno dei lavoratori occupati".

Secondo i sindacati, ciò che potrebbe presto accadere ai lavoratori di Almaviva Misterbianco potrebbe dare il via al progressivo smantellamento della azienda che,  in Sicilia, occupa il maggior numero di lavoratori (circa 6000).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento