Via Furnari, stabile pericolante: comune e Iacp a colloquio

L'Amministrazione comunale, dopo che il Tar ha annullato il provvedimento con cui si sospendeva l'ordinanza di sgombero firmata dal sindaco etneo, fa sapere che sta lavorando a una soluzione che prevede un accordo con l'istituto autonomo case popolari per risolvere il problema degli abitanti dell'edificio pericolante

L’Amministrazione comunale, dopo che il Tar ha annullato il provvedimento cautelare con cui si sospendeva l’ordinanza di sgombero firmata dal sindaco etneo, sta lavorando a una soluzione che prevede un accordo con l’Istituto autonomo case popolari per risolvere il problema degli abitanti dell’edificio pericolante di via Furnari.

Se ne è parlato nel palazzo degli elefanti durante un incontro al quale erano presenti, oltre al capo di gabinetto Massimo Rosso, anche gli assessori ai lavori pubblici Luigi Bosco e al welfare Fiorentino Trojano, e il direttore generale dell’Iacp Calogero Ponturo.

“Fin dalla metà di agosto – ha spiegato il capo di gabinetto Massimo Rosso - stiamo valutando tutte le possibili soluzioni. Con i responsabili dell’Iacp, che hanno avviato delle accurate ricognizioni dalle quali abbiamo tratto risultati interessanti, potremmo concretizzare in tempi brevissimi una convenzione che consenta di offrire temporaneamente alloggio agli abitanti del plesso, una cinquantina di persone”.

“Il sindaco Bianco – ha aggiunto Rosso - ci ha dato mandato di fronteggiare quest’emergenza in tempi rapidissimi e stiamo lavorando su un ventaglio di ipotesi sia per quanto riguarda la tipologia  degli appartamenti, sia per quanto riguarda la durata della permanenza. Il nostro obiettivo, infatti, è quello di limitare al massimo il disagio di queste famiglie. Seguiremo dunque costantemente la vicenda per trovare le soluzioni più idonee, stando vicini e dando ogni tipo di supporto a ciascuna di queste famiglie. Ci rendiamo conto delle difficoltà e percorreremo tutte le strade possibili per ridurle al minimo. Ma va tenuto conto dell’emergenza: l’unica cosa che non possiamo fare è pensare di far correre rischi a tutti loro”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nell’agosto scorso, dopo la sospensione del Tar, le condizioni di pericolosità dell’edificio di via Furnari 31 che avevano portato all’emissione dell’ordinanza sindacale erano state confermate in un verbale stilato al termine di un sopralluogo effettuato dai tecnici del Genio civile, dei Vigili del fuoco e dell’Asp. Secondo il parere degli esperti - accompagnati dai tecnici del servizio pubblica incolumità del comune di Catania - l’edificio era inagibile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento