Via Michele Rapisardi, sequestro preventivo per il locale “Pane caldo”

Lo stesso era stato denunciato lo scorso novembre per aver occupato abusivamente la via denominata Mannino con attrezzature di varia natura, tra cui un gruppo elettrogeno di notevoli dimensioni, e per aver, altresì, occupato il suolo pubblico nel tratto antistante l'esterno

Nel primo pomeriggio di ieri personale del Commissariato Centrale ha dato esecuzione al decreto di sequestro preventivo emesso dal Pubblico Ministero della locale Procura della Repubblica, accogliendo pienamente le risultanze investigative prodotte a carico di R.G., classe 1976, amministratore del locale denominato “pane caldo” sito in questa via Michele Rapisardi.

Lo stesso era stato denunciato in data 27.11.2015 per aver occupato abusivamente la via denominata Mannino con attrezzature di varia natura, tra cui un gruppo elettrogeno di notevoli dimensioni, e per aver, altresì, occupato il suolo pubblico nel tratto antistante l'esterno del locale collocando tavoli e sedie oltre l'autorizzazione concessa.

Nel corso del medesimo controllo amministrativo erano stati, inoltre, tratti in arresto i fratelli Tosto, pregiudicati, resisi responsabili dei reati di resistenza e minacce a P.U. in concorso e rifiuto di fornire le proprie generalità. Per i fatti sopra esposti in data 02.12.2015 il Questore di Catania dott. Marcello Cardona, su proposta della Divisione Polizia Amministrativa e Sociale, aveva emesso decreto ai sensi dell'art. 100 del TULPS sospendendo l'attività per giorni 15.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento