Rapina una tabaccheria minacciando il titolare con una pistola: 20enne arrestato

Ad incastrarlo le immagini delle telecamere del negozio attraverso le quali i carabinieri hanno raccolto importanti prove a carico del rapinatore, tra cui la tuta e il giubbotto indossati durante la rapina

I carabinieri di piazza Dante hanno arrestato il 20enne catanese Orazio Vicino, già gravato da precedenti penali specifici ed in materia di stupefacenti, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del tribunale etneo per rapina aggravata. Il 10 maggio scorso, il criminale, giunto a bordo di uno scooter condotto da un complice non ancora identificato, armato di pistola e con il volto coperto da un passamontagna, ha fatto irruzione nel bar tabaccheria di via Missori 53 dove, sotto la minaccia dell’arma, costrinse il titolare a consegnargli 2.000 euro in contanti per poi fuggire via a piedi.

Le immagini della rapina - VIDEO

Gli investigatori  analizzando le immagini registrate dalle telecamere attive nell’esercizio commerciale hanno orientato le indagini proprio nei confronti del 20enne catanese. Fornendo al magistrato titolare del fascicolo validi indizi, i carabinieri hanno ottenuto un decreto di perquisizione sia nell’abitazione delgiovane che all’interno della cella del carcere di Ragusa, dove nel frattempo il malvivente era stato rinchiuso per un altro reato. Perquisizioni che hanno consentito di trovare e sequestrare il giubbotto e la tuta utilizzati dal giovane malvivente per compiere la rapina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento