Via Quieta, madre accoltella la figlia di tre anni e tenta il suicidio

La donna, 37 anni insegnante, ha ferito la bambina prima alla guancia e poi al collo e, subito dopo, ha tentato il suicidio ferendosi all'addome con la stessa arma. A salvare la piccola è stato il marito che, svegliato dai rumori, è intervenuto

Un raptus senza spiegazioni quello che la notte scorsa ha spinto una madre di 37 anni a tentare di uccidere la figlia di tre anni.

La donna, con un coltello, ha ferito la figlia prima alla guancia e poi al collo e subito dopo ha tentato il suicidio ferendosi all'addome con la stessa arma.

Madre e figlia sono ricoverate nello stesso ospedale Cannizzaro. La piccola è stata sottoposta a un delicato intervento chirurgico, mentre alla madre è stata suturata con dei punti la ferita all'addome. Entrambe non sono ritenute in pericolo di vita.

L'episodio è avvenuto la notte scorsa nell'abitazione di via Quieta a Catania dove vive la famiglia. A salvare la bambina il marito, 46enne impiegato in uno studio, che svegliato dai rumori è intervenuto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento