Via San Tommaso, sordomuti picchiati: aggressori scambiano segni per sberleffi

Ad aiutare l''aggressore altre persone, che avrebbero usato anche catene e bastoni. Uno di loro ha anche strappato e distrutto l'apparecchio acustico di uno dei sordi. L'accaduto è stato denunciato alla polizia che sta indagando

Giovani sordomuti aggrediti e picchiati. E' successo a Catania: alcuni ragazzi hanno scambiato per sberleffi ai loro danni il linguaggio dei segni.

E così in pieno centro storico, in via San Tommaso - secondo le testimonianze delle vittime raccolte da una tv locale - i sordomuti, poco più che ventenni e in compagnia delle loro fidanzate, sono stati avvicinati all'uscita da un locale da un uomo che prima ha chiesto spiegazioni sui loro gesti e poi li ha aggrediti.

Ad aiutare l''aggressore altre persone, che avrebbero usato anche catene e bastoni. Uno di loro ha anche strappato e distrutto l'apparecchio acustico di uno dei sordi. L'accaduto è stato denunciato alla polizia che sta indagando.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento