Via Sardo, abbandona un cane legandolo ad un palo: denunciata

La donna ha affermato di non poter più tenere l'animale per alcuni dissidi con il vicinato e lo ha lasciato legato ad un palo sotto il sole. Il cane è stato poi soccorso e salvato dalla polizia

Nei giornata di ieri gli agenti del commissariato Borgo-Ognina con la collaborazione della polizia locale hanno indagato in stato di libertà una donna che nei giorni scorsi si è resa responsabile del reato di maltrattamenti animali. La signora ha dichiarato che, non potendo più tenere in casa il proprio cane, a causa di dissidi con alcuni vicini, ha deciso di abbandonarlo, lasciandolo legato con una corda ad un palo della segnaletica stradale di via Sardo, senza cibo e acqua.

Sotto il sole e il caldo estivo l’animale sarebbe certamente morto in poche ore. Grazie alla segnalazione dei cittadini i poliziotti hanno iniziato le attività investigative che hanno condotto all’individuazione della responsabile che, adesso, dovrà rispondere del suo comportamento davanti a un giudice.

L’animale è stato rifocillato e affidato alle cure della struttura convenzionata con il Comune di Catania, “Rifugio di Concetta”, a fargli compagnia, un bellissimo pastore tedesco di circa 4 mesi, ritrovato nei giorni scorsi in uno stato di abbandono simile.

Chiunque non potesse più accudire al proprio animale oppure ne individuasse qualcuno abbandonato per strada, può rivolgersi alle molteplici associazioni di volontariato oppure all’ufficio del Comune di Catania “Progetto Animali Lotta Randagismo”, chiamando lo 095-7422764 che, valutati i presupposti, potranno darlo in affido.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento