Via Sassari, le scippano la borsa ma rintraccia i ladri grazie ad un'App

La vittima, utilizzando un’applicazione del telefono cellulare, riposto all’interno della borsa, è riuscita a localizzarlo comunicando la posizione alla polizia che è riuscita così ad arrestare i due scippatori

Lo scorso sabato sera, le volanti della questura e del commissariato di Acireale hanno arrestato due cittadini mauriziani Nundloll Mohamad Ashad Sheik (classe 1994), Geerally Nuur Ud Diin Naasih (classe 1998) per rapina aggravata. Nello specifico, intorno alle ore 19:30 di ieri, è giunta al 112 la segnalazione di una donna che in via Sassari aveva subito lo scippo della borsa da parte di due cittadini mauriziani a bordo di un motociclo, fornendo dettagliate descrizioni sia dei soggetti sia del veicolo.

Subito dopo, la vittima, utilizzando un’applicazione del telefono cellulare, riposto all’interno della borsa, è riuscita a localizzarlo comunicando alla squadra operativa che il segnale del telefono dava come posizione Aci S. Antonio in via San Giovanni.

La volante del commissariato di Acireale ha comunicato di aver localizzato il ciclomotore, la cui descrizione era stata diramata via radio, ad Aci S. Antonio in via San Giovanni, in un esercizio commerciale. La polizia giunta sul posto ha controllato l'attività commerciale.

Gli operatori hanno notato subito la presenza di due persone extracomunitarie, corrispondenti alle descrizioni fornite dalla vittima: uno dei due soggetti, vista la presenza del personale in divisa, ha provato a dileguarsi invano in quanto subito bloccato da uno degli agenti.

I due soggetti hanno ammesso subito di aver commesso il reato e nel corso della perquisizione condotta nella dimora di pertinenza, è stato rinvenuto, all’interno di una canna fumaria celate in una busta di plastica, quanto rubato alla vittima nonché altra refurtiva di proprietà di un’altra vittima di scippo.

Uno dei due soggetti ha poi accompagnato gli agenti di polizia nei pressi di un distributore di San Giovanni La Punta dove sono state recuperate le borse delle due vittime.

Pertanto, i due sono stati tratti in arresto per rapina aggravata in concorso e denunciati i stato di libertà per ricettazione. Il PM di turno ha disposto che entrambi venissero rinchiusi presso la casa circondariale di piazza Lanza di Catania in attesa dell’udienza di convalida dinnanzi al Gip.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento