Aperto al traffico il tratto di via Teseo, Comune: "Un’ aiuola nasconde opera d'ingegneria"

I lavori sono stati condotti con il sistema cosidetto” microtunneling” ovvero con l’uso di una “talpa” trivellatrice. La macchina, arrivata a Catania con una nave, è stata posizionata a terra ed ha perforato il fondo marino secondo un determinato profilo

"Un’ aiuola con essenze mediterranee, nel tratto di via Teseo all’angolo con via Acicastello,  uno degli accessi alla città, cela un’opera di importante ingegneria idraulica, che canalizzerà le acque pluviali". E' così che, con una nota, il Comune annuncia la riapertura di un tratto di strada, chiuso da circa due anni.

“Si tratta di un’opera tecnicamente rilevante, operativa da subito,- ha detto il sindaco Bianco –  che canalizzerà le acque pluviali che, dai paesi etnei vanno a valle ed a causa dell’edilizia sconsiderata non vengono assorbti dal terreno evitando gli allagamenti degli anni passati”. L’idea di un canale di gronda risale alla prima sindacatura Bianco. Con un mutuo ottenuto dal Comune, di due milioni e 800 mila euro sono stati effettuati i lavori necessari per questo tratto la cui ultima parte corre sotto l’aiuola e sotto il mare.

I lavori sono stati condotti con il sistema cosidetto” microtunneling”  ovvero con l’uso di una “talpa” trivellatrice per l’esecuzione dello scavo orizzontale anche sul fondo marino con un miglioramento della qualità dell'opera e senza interrompere il  traffico veicolare di via Acicastello per un lungo periodo. La macchina, arrivata a Catania con una nave, è stata posizionata a terra ed ha perforato il fondo marino secondo un determinato profilo raggiungendo la profondità di oltre 10 metri ovvero circa 30 metri dal pelo dell’acqua, per una  lunghezza complessiva di circa 300m dalla costa.

“Catania tra qualche mese, - ha annunciato il sindaco-  usufruendo della stessa tecnologia, sarà interessata alla realizzazione del più grande progetto di una rete fognaria che ci sia mai stato nella città metropolitana. Un convogliamento corretto nell’impianto di depurazione di tutte le condotte sia di Catania e anche dei paesi vicini. L’uso di  questo tipo di trivellatrice ci consentirà per buona parte dei lavori di agire senza interrompere il traffico. ”  I lavori saranno effettuati con un finanziamento europeo la cui prima tranche è di 213 milioni di euro".  
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento