Chiusura via Umberto e raccolta firme, è polemica: "Io sto con Greta" risponde a Fipet

Alcune associazioni hanno proposto una raccolta firme per la pedonalizzazione del tratto di via Umberto che va da Piazza Majorana fino a via Etnea. Raccolta firme che per la Fipet sarebbe "falsata"

E' polemica sulla chiusura di via Umberto e su una raccolta firme messa in atto da alcune associazioni che, secondo la Federazione Italiana Pubblici Esercizi e Turismo di Catania, sarebbe "falsata". 

In risposta a quanto dichiarato da Fipet, interviene l'associazione "Io sto con Greta". "Insieme ad altre associazioni, abbiamo portato avanti una petizione. Come si può facilmente evincere dal testo introduttivo della stessa, si chiede al sindaco Pogliese la riqualificazione e pedonalizzazione del tratto di via Umberto che va da Piazza Majorana fino a via Etnea. Nella petizione si aggiunge la richiesta di prevedere trasporti pubblici adeguati in una più completa rimodulazone del piano viario. Nel testo si fa menzione di un auspicabile abbellimento con arredi e verde pubblico".

"Facciamo notare a Fipet che trattandosi di una petizione popolare, questa risponde ai principi di orizzontalità e partecipazione. L’idea della petizione, la cui richiesta è stata sottoposta alla Giunta Comunale, parte da alcuni commercianti che si aprono al cambiamento. Gli stessi commercianti ci hanno rimarcato l’esigenza di avere una pedonalizzazione ben progettata e funzionale che non sia limitata al posizionamento di una transenna una tantum. In nessun modo si fa riferimento ad un ipotetico progetto di matrice comunale, come lascia intendere Fipet".

"Nella nostra pagina 'Io sto con Greta' si trovano le interviste di tanti commercianti i quali si augurano che questo avvenga al più presto possibile. Sulla spinta di questa petizione, da poco inoltre, siamo stati contattati anche dai commercianti di via Etnea, che inerentemente al tratto tra via Umberto e viale XX Settembre chiedono anch’essi la pedonalizzazione dello stesso, segno che finalmente la mentalità è cambiata rispetto al passato. Relativamente alle firme raccolte on line, ribadiamo che per avvalersi dello strumento è necessaria la verifica dell'email. Attenendosi scrupolosamente a questa regola, tutti i nomi dei firmatari on line, sono stati inviati per tempo all'Amministrazione Comunale che potrà verificare se i nominativi dei firmatari sono attendibili. In base alle nostre verifiche esse lo sono pienamente".

"Non troviamo nomi di fantasia tra le firme consegnate. Inoltre sottolineamo che un terzo delle firme, circa 700, sono state raccolte da Legambiente Catania in modo cartaceo e in pochissimo tempo. Stesso discorso per quelle dei commercianti sottoscritte su carta con diverse decine di adesioni. Auspichiamo, come avvenuto in città quali Palermo, un diverso atteggiamento rispetto alle questioni delle pedonalizzazioni, che sono per noi sinonimo di progresso e sviluppo sostenibile. Non crediamo in una Catania ancorata al concetto di sviluppo fermo agli anni '70 tra caos e inquinamento. Questa follia non può continuare nel nostro centro storico quando siamo alle porte dell'anno 2020... Invitiamo infine tutti i cittadini a popolare ed animare la via Umberto, nel tratto da Piazza Majorana a via Etnea, che sarà liberata dal traffico questa domenica 19 maggio dalle ore 9 alle ore 20".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento