Viale Africa, agenzia beni confiscati apre in immobile clan "Cavadduzzu"

L'immobile, con vista mare, ospiterà la filiale etnea dell'Agenzia nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata. Caruso: "Catania avrà un ruolo primario"

Era dei coniugi Antonino Napoli e Grazia Ferrera - quest'ultima della famiglia mafiosa "Cavadduzzu"- ma ora l'immobile, con vista mare al viale Africa, ospiterà la filiale etnea dell'Agenzia nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata.

Questa mattina in Prefettura, si è svolto un vertice con il prefetto Giuseppe Caruso, capo della stessa Agenzia. "Venerdì scorso a Roma abbiamo deliberato formalmente l'apertura di una filiale dell'Agenzia a Catania in un bene confiscato in via definitiva -ha detto Caruso- la Sicilia ha il 43,3 per cento di tutti i beni confiscati del territorio nazionale. Palermo e provincia ha un terzo di tutti i beni quindi non è sufficiente fare una sede a palermo che si occupi dell'intera Sicilia. Catania avrà un ruolo primario anche perchè farà da capomaglia per altre province della Sicilia orientale". 

''In via puramente teorica c'e' un patrimonio di beni confiscati che rasenta una piccola manovra finanziaria. Molti rimangono inutilizzati perchè i mafiosi sono bravi a creare tanti di quegli ostacoli, probabilmente in vista delle loro ablazione, che rendono poi difficile purificarli da tante criticità in maniera da renderle, come vogliamo fare noi, prontamente utilizzabili da parte soprattutto degli enti territoriali''. 

"Nella legge di stabilità ritengo che si stia discutendo su una proposta di rivisitazione totale della normativa istitutiva dell'Agenzia per i beni confiscati, che abbiamo proposto noi per modificare questa legge in via definitiva, e non con singoli emendamenti", ha dichiarato Caruso al termine di una riunione del Comitato provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica alla quale ha preso parte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento