Viale Grimaldi, piazza di spaccio “Fossa dei Leoni”: introiti sui 12 mila euro giornalieri

Favoriti dalla posizione e dall’elevazione dei palazzi circostanti, in grado di offrire riparo ed evidenziare la presenza di chiunque fosse estraneo al circuito criminale, i quattro arrestati avevano compiti ben precisi

In quattro, tutti arrestati dai carabinieri della compagnia di Catania Fontanarossa, gravitavano tra la palazzina di viale Grimaldi 10 e l’annesso cortile: la Fossa dei Leoni. Favoriti dalla posizione e dall’elevazione dei palazzi circostanti, in grado di offrire riparo ed evidenziare la presenza di chiunque fosse estraneo al circuito criminale, uno fungeva da guardiano del bidone, parzialmente interrato, deputato ad occultare lo stupefacente; un altro era la “vedetta” con il compito di avvisare i “colleghi” circa la presenza di auto sospette e filtrare/indirizzare gli acquirenti verso il 3° uomo, il “cassiere”, che prendeva il denaro. Infine, l’acquirente poteva recarsi dal pusher, posizionato a circa 20 metri, e ritirare lo stupefacente.

IMG-20160203-WA0001-2Nei giorni di osservazione i militari dell’Arma hanno censito un flusso di 150 clienti al giorno, provenienti dal catanese ma non solo. In prevalenza marjuana e cocaina lo stupefacente fornito, per un volume d’affari che si attestava sui 10 mila euro giornalieri.

Ieri il blitz, dopo aver rilevato la presenza dei quattro e di diversi acquirenti, i carabinieri hanno cinturato l’area lasciando quale unica via di fuga l’accesso ad un’abitazione sita al 1 piano della Fossa. E proprio lì sono scattate le manette per il custode, la vedetta, il pusher ed il cassiere, trovato in possesso di circa 200 euro appena ricevute da un acquirente. La perquisizione è stata immediatamente estesa all’intera piazza di spaccio dove i militari hanno rinvenuto, parzialmente interrato, un bidone contenente 1 chilo di marjuana suddivisa in dosi e 15 gr di cocaina.

A finire in manette Cristian Franceschino, 27enne, di Misterbianco, Vito Platania, 34enne, e altri 2 giovani, entrambi di Catania, tutti associati nel carcere di Piazza Lanza, che dovranno rispondere all’Autorità Giudiziaria del reato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento