Viale Kennedy: tra spiagge di cemento, campi rom e edifici abbandonati

Un bisogno di interventi avanzato dal consigliere comunale e componente del gruppo “Grande Catania” Giuseppe Castiglione che chiede che sulle tre spiagge libere si faccia una programmazione duratura e prolungata nel tempo

"Le spiagge libere sula viale Kennedy a Catania senza più cemento possono rappresentare un punto di partenza ma non certamente di arrivo per una parte della città a forte vocazione turistica e non solo nei tre mesi estivi. Le ruspe all’opera per consentire alla Natura di riprendersi l’intera zona va considerata come un trampolino di lancio per lo sviluppo del territorio. Un rilancio che va pensato per tutti i dodici mesi all’anno".

E' quanto dichiara il consigliere comunale e componente del gruppo “Grande Catania” Giuseppe Castiglione che chiede che sulle tre spiagge libere si faccia una programmazione duratura e prolungata nel tempo. "Quando ruspe e operai avranno finito occorrerà dotare queste tre zone di servizi ed infrastrutture necessari ad accogliere al meglio migliaia di bagnanti. Le rassicurazioni che l’assessore ai Lavori Pubblici Giorgianni ci ha fornito in tal senso fanno ben sperare per il futuro di questa parte della città. Ma non bisogna abbassare la guardia e occorre assolutamente sgombrare il campo da eventuali proclami in vista delle prossime elezioni comunali", continua Castiglione.

operai al lavoro per eliminare il  cemnto dalle tre spiagge libere di catania (2)-2

Il viale Kennedy oggi è una strada piena di buche ed avvallamenti dove, oltre alla totale assenza di un impianto di pubblica illuminazione degno di questo nome, il rischio di incidenti è continuo. Non solo, tra degrado, abbandono e montagne di rifiuti spicca un enorme campo rom in continua espansione a pochi passi dall’impianto sportivo comunale.

"Una condizione disumana che coinvolge decine di nuclei familiari e che nessuno, tra turisti e catanesi, non può non notare. Qui la spazzatura viene scaricata in quantità industriali. Una bidonville nata anni fa e da allora è in continua estensione, tra l’indifferenza generale, perché il materiale con cui costruirsi una “casa” non manca. Come consigliere comunale, quindi, lancio l’allarme per un problema sociale senza precedenti e che l’amministrazione comunale finora non ha adeguatamente affrontato. Un pessimo biglietto da visita per i turisti che visitano Catania e che si trovano di fronte ad un pericolo igienico sanitario enorme", conclude.

edificio abbandonato viale  kennedy-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento