Viale San Teodoro, maxi sequestro di marijuana: scoperti allacci abusivi all'Enel

Il valore di mercato stimato era di circa 80 mila euro. Sequestrata anche una pistola calibro 7,65, con sette colpi nel caricatore e un autolavaggio, il cui proprietario è stato denunciato

Operazione della polizia nel quartiere Librino di Catania. In particolare oltre 8 chilogrammi di marijuana, per un valore di mercato stimato in circa 80mila euro, e una pistola calibro 7,65, con sette colpi nel caricatore, sono stati sequestrati durante un'operazione di controllo in due palazzi di viale San Teodoro, al civico 7 e 8.

All’ultimo piano di viale San Teodoro 7, nel disimpegno antistante l’ascensore, è stata trovata quella che, verosimilmente, era la postazione di un pusher: vicino a un tavolinetto con sedia, è stata rinvenuta una scatola di cartone contenente 2 buste di plastica con all’interno marijuana.

Con l'ausilio di tecnici di Enel e Sidra sono stati inoltre individuati 50 allacciamenti diretti alla rete elettrica da parte degli inquilini al civico 8 e 25 a quella idrica. In un condominio con 78 famiglie sono stati trovati soltanto 69 contatori e l'energia elettrica usata per ascensore e vano scale e' risulta essere prelevata direttamente dalla fonte.

Personale della polizia di Stato e dei vigili urbani ha infine sequestrato un autolavaggio e denunciato il suo proprietario, per scarico acque reflue non autorizzato e per furto aggravato, essendosi allacciato abusivamente alla rete idrica, e sanzionandolo con una multa di circa tremila euro per esercizio abusivo di attività

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento