Vigilantes de "La Sicurezza" sul piede di guerra, si sciopera venerdi

I tentativi di confronto sono andati a vuoto ed il sindacato ha organizzato per venerdì 23 settembre uno sciopero in Prefettura

La Uil Tucs di Catania denuncia gravi violazioni contrattuali ai danni dei lavoratori dell'Istituto di Vigilanza "La Sicurezza". I tentativi di confronto con l'azienda sono andati a vuoto e pertanto il sindacato di categoria ha organizzato per venerdì 23 settembre uno sciopero con sit-in dinanzi alla sede della Prefettura, in via Etnea. La manifestazione avrà inizio alle 9.30.

La Uil Tucs contesta ai vertici dell'azienda la mancata rotazione dei turni di lavoro di tutto il personale ed un orario di lavoro tale da creare privilegi e discriminazioni con ricadute sulla retribuzione e sulla maturazione di altri diritti economici contrattuali. La protesta riguarda, inoltre, la mancata programmazione di ferie e permessi, il negato pagamento delle indennità chilometriche per il personale che svolge servizi su base regionale e distante dalla sede aziendale.

Ed ancora, il mancato riconoscimento del buono pasto e del livello d’inquadramento come previsto dal contratto collettivo, i ritardi nei rimborsi dovuti per il rinnovo di titolo di "Polizia e Tiro a segno", l'incertezza nelle date di pagamento degli stipendi e persino nelle modalità di invio e consegna delle buste paga.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento